Interni

Grillo indagato, imbarazzo M5S: “Una mazzata tremenda”

Non sono certo tempi facili quelli che sta attraversando il Movimento 5 Stelle. E ora arriva anche la notizia che il fondatore, Beppe Grillo, risulta indagato dalla procura di Milano per traffico di influenze illecite per alcuni contratti pubblicitari sottoscritti dalla compagnia di navigazione Moby con il blog Beppegrillo.it.  Un’indagine che complica ulteriormente i piani pentastellati in vista della imminente elezione del presidente della Repubblica. I suoi fedelissimi lo difendono, ma il caso Grillo provoca inevitabili tensioni nel Movimento ora guidato dall’ex premier Giuseppe Conte.

Beppe Grillo e Giuseppe Conte

“Un filone dell’inchiesta Open che riguarda Matteo Renzi, il reato di traffico di influenze illecite che abbiamo contribuito a rafforzare noi. E alla fine ci finisce in mezzo Beppe Grillo. Quindi il M5S stesso”. Così si sarebbe sfogato un importante esponente pentastellato. Almeno stando al retroscena pubblicato dal quotidiano Repubblica. “Che ne uscirà pulito non c’è alcun dubbio, ma magari succederà tra cinque anni. Nel frattempo è una mazzata tremenda per lui e per il Movimento”, commenta sconsolato un altro.

Secondo il pentastellato Francesco Silvestri, inoltre, “Grillo non è un decisore pubblico, non c’entra con la nostra legge. Questa non è una questione che interessa la nostra proposta di legge. Non c’è nessuna difficoltà e nessun imbarazzo”. Una presa di distanze abbastanza netta dal fondatore del Movimento.

I senatori grillini della commissione Lavori pubblici e trasporti pubblicano invece una nota congiunta. “Da quando il M5S è in Parlamento, Grillo non ha mai messo bocca neanche su mezzo emendamento, né su nessun altro passaggio dei lavori in commissione. – si legge – Per quanto riguarda Moby, nei confronti dell’azienda c’è stato un approccio paritetico a quello di tutte le altre realtà analoghe. Chi segue i lavori della nostra commissione sa bene che la componente del M5S non è solita lasciarsi condizionare da soggetti esterni”.

Potrebbe interessarti anche: Beppe Grillo indagato a Milano per contratti pubblicitari con la Moby