Interni

Guerra tra talebani per il potere: il vicepremier Baradar, ferito, è in ospedale

È già scontro durissimo all’interno dei talebani per la conquista del potere, ora che l’Afghanistan è libero dalla presenza di forze militari occidentali dopo il precipitoso ritiro delle scorse settimane. Dopo tante indiscrezioni, ecco infatti emergere novità sul motivo dell’assenza da Kabul del mullah Abdul Ghani Baradar, che ha disertato i primi incontri internazionali del governo ad interim.

Guerra tra talebani per il potere: il vicepremier Baradar, ferito, è in ospedale

Stando alle ricostruzioni della stampa estera l’uomo, vicepremier e capo della delegazione che aveva negoziato a Doha gli accordi con gli Stati Uniti, sarebbe ricoverato nella roccaforte talebana di Kandahar dopo essere rimasto ferito in una vera e propria rissa con alcuni membri della rete Haqqani, fortemente legata ai servizi pakistani e storicamente vicina ad Al Qaida.


La Bbc ha parlato di un “duro scambio” verbale, degenerato in una vera e propria rissa tra le sale del palazzo presidenziale per divergenze sulla gestione del potere. In ospedale, Baradar si ritroverebbe sotto sorveglianza, sottoposto alla “protezione del Pakistan”, mentre “i familiari non sono ancora autorizzati a vederlo”.

A segnare la vita politica di questi primi mesi di governo talebano, dunque, sembrano essere incertezza e tensioni altissime, tanto che il portavoce del gruppo jihadista, Suhail Shaheen, è dovuto intervenire pubblicamente per smentire le voci sull’uccisione del vicepremier, oltre che sul suo ferimento.

Ti potrebbe interessare anche: L’assessore leghista insultato dai leghisti perché ricorda Gino Strada