Cronaca

Ragazzo con due lauree sceglie di fare il bidello: “Almeno mi pagano”

Il suo nome è Marco Morosini. Ha 25 anni, è nato a Macerata nelle Marche e di professione fa il bidello in una scuola. A fare notizia però è il fatto che Marco sia giornalista-pubblicista dal 2019 e abbia due lauree entrambe conseguite con lode: una triennale in Scienze della Comunicazione e una magistrale in Informazione e Sistemi editoriali. Attualmente, come racconta al Corriere della Sera, oltre al suo lavoro da bidello, sta studiando per una seconda laurea in Economia aziendale, indirizzo Relazioni di lavoro.

Ha due lauree ma sceglie di fare il bidello

Probabilmente a fare notizia della storia di Marco è che lui abbia scelto con umiltà il mestiere di bidello perché, almeno in questo momento della sua vita, gli assicura uno stipendio. “Quest’anno lavoro in un asilo, quindi sono a stretto contatto con i bambini. – racconta il ragazzo al Corriere – Fra le mie mansioni c’è di tutto: da lavare i pennelli ad accompagnare in bagno chi ne ha bisogno. E naturalmente anche pulire i locali”.

“Ma io mi ritengo una figura educativa in senso pieno. – prosegue Marco Morosini – Al liceo delle Scienze umane dove mi sono diplomato ho studiato psicologia e pedagogia. Nel mio lavoro cerco di portare me stesso: non urlo mai, non sgrido mai nessuno. Visto che suono il pianoforte, a volte porto da casa la mia tastiera e ci mettiamo a cantare insieme”.

“Lavoro solo part-time perché devo studiare per gli esami, quindi il mio stipendio si è dimezzato: circa 650 euro lordi al mese. – specifica poi – Non mi dispiacerebbe restare a scuola, magari per arrivare a fare il dirigente contabile e amministrativo. Oppure lavorare in azienda. Ma intanto sono molto orgoglioso di tutte le esperienze lavorative che ho già fatto. Anch’io pensavo di essere quasi l’unico laureato a fare questo lavoro. Ma da quando, due anni fa, il mio nome è finito nelle cronache locali, ho ricevuto tantissimi messaggi di gente come me”, conclude.

Potrebbe interessarti anche: Di Maio fuori dal Parlamento e Di Battista si vendica: “Prenditi una laurea”

Torna su