Mass Media

Sondaggio Dimartedì: gli italiani vogliono Draghi premier

Dopo Mario Draghi c’è solo Mario Draghi. Sembra essere questo il risultato del sondaggio di Nando Pagnoncelli mandato in onda durante l’ultima puntata di Dimartedì. Secondo la maggioranza degli italiani intervistati, infatti, l’attuale presidente del Consiglio viene ritenuto il migliore successore di se stesso a Palazzo Chigi dal 35% dei potenziali elettori.

L’ultimo sondaggio di Dimartedì

“Siamo entrati nell’ultimo anno della legislatura e abbiamo chiesto chi vorreste che fosse presidente del Consiglio dopo Draghi”, spiega Nando Pagnoncelli mentre mostra il cartello con i risultati del sondaggio. Il premier uscente Mario Draghi si conferma come l’alternativa migliore a se stesso secondo il 35% degli italiani intervistati. In seconda posizione si piazza Giorgia Meloni, anche se a netta distanza dal gradino più alto del podio. La leader di Fratelli d’Italia riesce a strappare il 20% delle preferenze.

Al terzo posto del sondaggio di Dimartedì troviamo Giuseppe Conte. Il leader del Movimento 5 Stelle ottiene però solo uno striminzito 12% di consensi come possibile nuovo premier. Dietro di lui c’è Enrico Letta. Ma il risultato del segretario Pd è ancora più sconfortante con solo l’8%. Chiude la classifica Matteo Salvini. Ma l capitano della Lega è ormai distante anni luce dai fasti di un tempo, riuscendo ad ottenere solo uno striminzito 5%. Il 20% degli intervistati poi decide di astenersi dal rispondere.

Pagnoncelli mostra anche un altro cartello. In questo sondaggio è stato chiesto agli italiani se sia giusto o no inviare ancora armi all’Ucraina. “Il 48% degli intervistati ritiene che non sia giusto. Mentre il 40% ritiene che sia doveroso. – spiega il sondaggista – Però è interessante che c’è una spaccatura abbastanza profonda tra gli elettori dei diversi partiti. Perché gli elettori di Pd, M5S e Forza Italia ritengono che sia opportuno inviare armi all’Ucraina. Gli elettori di Lega, FdI e gli astensionisti sono contrari”.

Potrebbe interessarti anche: Dimartedì, la giornalista russa scatena le risate dello studio: “Mi state censurando”

Torna su