Social

Com’erano i Social e le Home Page del passato?

Ten Years Challenge è la sfida lanciata sul web in questi giorni. È la moda del momento, che consiste nel condividere e mettere a confronto una foto di dieci anni fa e una attuale. Il 2009 è stato l’anno in cui in Italia sono entrati in scena i Social Network, strumenti che ha sicuramente influenzato, indirizzato e soprattutto, rivoluzionato le nostre vite.

I Social dieci anni fa

Proprio seguendo la linea di questo trend, è stata lanciata la sfida di vedere come sono cambiati in dieci anni i Social più famosi, le loro Home Page e i siti più visitati.
Molti gli aspetti hanno subito una rivoluzione sorprendente in dieci anni. Primo tra tutti, dobbiamo sottolineare il passaggio dal desktop al mobile, che ha portato un’enorme innovazione per quanto riguarda la produzione e l’uso dei contenuti online e ha reso le schermate delle varie macchine molto più chiare e semplici.

innovazione-imprese-italia

Leggi anche: Digital transformation: gli europei chiedono più innovazione e maggiore protezione dei dati

I rischi

Oltre a questo, però dobbiamo parlare anche dei rischi con cui ci ha messo a confronto questa enorme Digital Transformation. Tutte le volte che ci viene chiesto dai captcha code di trovare delle immagini particolari, stiamo addestrando l’IA. Questi sistemi di Machine Learning, infatti, per apprendere conoscenze hanno bisogno di centinaia di dati.

A quanto pare, il giochino innocuo, 10 years challenge, serve proprio a catturare migliaia di informazioni e ad addestrare l’Intelligenza Artificiale a capire come cambiano le persone con il progredire dell’età. Oggi, purtroppo, non possiamo più essere ingenui come invece poteva succedere dieci anni fa. Prima di inserire qualsiasi tipo di informazione sul web, dovremmo chiederci come potrebbero essere usati quei dati e cosa potrebbe implicare tutto ciò.

innovazione-imprese-italia

Leggi ancheRivoluzione digitale: ecco come le nuove tecnologie cambiano il modo di fare industria

Esempi

Questo nuovo utilizzo dei dati potrebbe essere interpretato in modo sia positivo che negativo: la face recognition, che domani, ci permetterà di fare pagamenti, utilizzando il nostro volto, potrebbe mettere in evidenza l’aspetto negativo, mentre l’utilizzo di questa tecnologia nel ritrovare i bambini scomparsi, il lato positivo.

I rischi legati a questa trasformazione che coinvolge tutti gli aspetti della nostra vita naturalmente sono sempre gli stessi: da una parte rendere più semplice e veloce il lavoro, dall’altra si rischia di incentivare la nascita di una società dove tutti siamo costantemente sorvegliati.

In un Digital World dove l’intelligenza artificiale è sempre più addestrata, dove i nostri dati vengono costantemente utilizzati in modo scorretto dai colossi della Silicon Valley, dove il rischio di essere costantemente in un Grande Fratello Virtuale, prima di interagire con il web, dovremo sempre stare ben attenti ai possibili utilizzi di quelli che apparentemente possono sembrare giochi innocui.

I recenti scandali che hanno coinvolto i vari Social non ci hanno insegnato proprio niente al riguardo?