Interni

I social si rivoltano a Salvini: “Sei finito, hai tradito gli italiani”

Una rabbia feroce scoppiata di colpo, in tutta la sua violenza. Con frasi come “buffone”, “sei finito”, che mai avremmo immaginato fino a qualche mese fa piovere in testa su Matteo Salvini, l’uomo che sembrava avere in mano gli umori del Paese e che di colpo si è ritrovato prima all’opposizione, poi pericolosamente in calo nel suo appeal sugli italiani. L’ultimo attacco a Conte, con tanto di mozione di sfiducia poi ritirata nell’imbarazzo generale, è stata l’ennesima follia di un Capitano che non sa più che pesci pigliare. E che sta riuscendo in un’impresa non da poco: farsi odiare da quegli stessi italiani che lo osannavano.

Migliaia sono stati, infatti, i commenti sui profili del leghista che lo invitano ad “andare a casa”, decine e decine gli insulti, centinaia le proteste di quanti ci avevano “creduto”, ma che ora si dicono “pentiti amaramente” dopo quello che giudicano “un tradimento”. E ancora: “Capitan Coniglio”, “incoerente”, “spero tu finisca nell’oblio”, “smettila di fare la prima donna”. “Dicevi di voler mettere al primo posto gli italiani. Tutte balle”. 

Per la prima volta dopo tanto tempo Salvini si è trovato così in minoranza sui social, quelli che erano stati suo naturale terreno di caccia a lungo. I suoi fedelissimi ci sono ancora, per carità. Ma in confronto all’orda di utenti indignati che puntano il dito contro il Capitano sembrano quattro gatti o poco più. La strategia comunicativa del leader della Lega si è di colpo inceppata. E gli italiani non hanno perdonato.In difficoltà insieme a Salvini anche Luca Morisi, vertice della campagna social del Capitano, che ha parlato di intervento “stratosferico” nel commentare le parole del leghista finendo però massacrato a sua volta nei commenti, dove è stato accusato di vivere “in una realtà parallela”. Tempi durissimi, insomma, per l’ex ministro degli Interni. Che ora guarda alla possibilità di tornare al voto con comprensibile preoccupazione.

Forsyth: “Siamo in piena Cyberguerra, presto la Cina dominerà il mondo”