Interni

Il centrodestra vota sì allo scostamento di bilancio, Conte: “Ottimo segnale”

L’Aula della Camera ha approvato quasi all’unanimità la richiesta del governo di un nuovo scostamento di Bilancio da 8 miliardi di euro. I voti a favore sono stati 552 su un totale di 558 presenti, con solo sei astensioni e nessun voto contrario. Un risultato festeggiato dal premier Giuseppe Conte: “È un ottimo segnale in questo momento di particolare difficoltà che sta attraversando il Paese. Auspico che questo clima di confronto e di dialogo possa accompagnare anche i prossimi, delicati passaggi che dovremo affrontare per uscire da questo periodo di emergenza”.

Il centrodestra si è così alla fine presentato compatto sposando la linea voluta da Silvio Berlusconi, dopo tante frizioni nelle ore precedenti al voto. Il leader di Forza Italia, prima della discussione in Aula a Montecitorio sullo scostamento, durante un collegamento con i deputati per fare il punto sulla manovra, aveva annunciato il voto favorevole perché il governo aveva accolto tutte le proposte del centrodestra, ovvero più risorse per 2 milioni di autonomi e professionisti e il cosiddetto semestre bianco.
Qualche ora dopo era arrivata anche la presa di posizione di Lega e Frtelli d’Italia: “Siamo pronti a votare sì, come correttamente spiegato da Berlusconi sulla base di un documento informale del governo che accoglieva le nostre proposte, ma attendiamo che l’esecutivo presenti il testo definitivo”. 

L’esame delle relazioni ora è passato all’Aula del Senato, il voto, a maggioranza assoluta, è atteso nelle prossime ore: “Il sì allo scostamento di bilancio non ha nulla a che vedere col governo. Siamo diversi e alternativi, questa volta abbiamo fatto prevalere gli interessi degli italiani. Il centrodestra unito voterà a favore dello scostamento di bilancio anche al Senato, come alla Camera”, ha annunciato Antonio Tajani, durante una conferenza stampa con Meloni e Salvini.

Il futuro (incerto) dei navigator: in 2.700 rischiano di rimanere disoccupati