Interni

Sgarbi furioso con i giornalisti: “Ma chi ca… è Letta”

Nervi a fior di pelle in questi giorni di votazioni per la presidenza della Repubblica. Anche la quarta votazione, fissata per giovedì 27 gennaio, si risolve con una fumata nera. L’accordo tra le forze di maggioranza sul nome di quello che dovrebbe diventare il successore di Sergio Mattarella al Quirinale ancora non si trova. Anzi, a leggere le cronache giornalistiche che continuano a sparare nomi a caso, la trattativa sembra ancora in alto mare. Ad aggiungere tensione alla vicenda è Vittorio Sgarbi che si mette in piazza ad insultare il segretario del Pd Enrico Letta.

Sgarbi insulta Letta

Il protagonista della quarta giornata di votazioni per il Quirinale non è, come ci si poteva attendere, qualche personalità designata per ricoprire la carica di presidente della Repubblica. La scena se la prende invece Vittorio Sgarbi. Il parlamentare del gruppo Misto ha concluso da qualche giorno il suo compito di regista della cosiddetta ‘operazione scoiattolo’. Ovvero un giro vorticoso di telefonate con le quali Silvio Berlusconi, aiutato dall’amico Sgarbi, ha cercato di convincere quanti più grandi elettori possibile a votarlo.

VITTORIO SGARBI

Purtroppo l’operazione non è andata in porto, visto che al pallottoliere sgarbiano mancherebbero ancora qualche decina di preferenze per il Cavaliere. Ma Sgarbi non ci pensa proprio a tornare dietro le quinte. E così, circondato da un nugolo di giornalisti fuori da Montecitorio, si lascia andare ad uno sfogo inaspettato. “Ma chi ca… è Letta”, ripete più volte il critico d’arte alzando la voce.

Ad immortalare la scena ci sono anche le telecamere di La7 che la trasmettono in diretta. Il direttore del Tg, Enrico Mentana, impegnato nella sua ormai consueta maratona televisiva, è costretto prima a ‘censurare’ la voce di Sgarbi per non far ascoltare troppe parolacce al suo pubblico. Poi, lo stesso Mentana critica apertamente l’atteggiamento di sfida del protagonista della vicenda nei confronti del segretario Dem.

Potrebbe interessarti anche: Telefonata Berlusconi-Boschi, il racconto di Sgarbi: “Lui pareva Dante”

Torna su