Interni

Torre Maura, il papà di Simone: “Fiero di lui, ma non diventi la voce della sinistra”

Una protesta che ha fatto discutere e indignare l’Italia, quella andata in scena a Torre Maura, nella periferia di Roma. Dove l’arrivo di una settantina di persone rom e sinti in un centro d’accoglienza del posto ha scatenato la rabbia della popolazione, scesa in strada per manifestare. Un’intera borgata a dire no, fino a spingere il Campidoglio al dietrofront e al ricollocamento, iniziato anche se in maniera lenta e graduale. Una bagarre in cui si è alzata anche una voce fuori dal coro.

Quella di Simone, 15 anni, che ha manifestato tutto il suo dissenso in una discussione con il leader di CasaPound Mauro Antonini: “Non me sta bene che no. Io so’ de Torre Maura e non so’ d’accordo” ha esordito il ragazzo, spiegando poi che a suo giudizio tanti partiti di estrema destra erano scesi in strada per raggranellare consenso. E chiedendo ai manifestanti: “Io sono d’accordo sulla sicurezza. Ma solo gli stranieri vengono a rubarvi in casa? O anche gli italiani?”.
Commenti di apprezzamento per il coraggio del ragazzo sono arrivati da tutta Italia, compresa la sindaca della città Virginia Raggi. Il padre di Simone, intervistato dal Fatto Quotidiano, ha però voluto tirare, saggiamente, il freno: “Adesso non facciamogli montare la testa. Qualcuno mi ha già contattato per coinvolgerlo nella politica, ma non vorrei che si creasse il problema opposto. Ho visto che alcuni sindacati gli hanno fatto i cartelli, tipo Simone presidente. Non va strumentalizzato: è bene che abbia visibilità il suo pensiero”.“La sinistra – ha proseguito – non può accontentarsi dell’eroe di turno. Oggi è Simone, ieri era Mimmo Lucano, l’altro ieri era il consigliere di Rocca di Papa. C’è la persona che scalda gli animi per qualche ora, ma non un vero lavoro di organizzazione. Mio figlio? Ha fatto quelle obiezioni in favore di telecamera, così nessuno poteva fargli niente. Ma in generale sono abbastanza tranquillo”.

Roma, indagato per corruzione anche l’assessore Frongia, fedelissimo della Raggi