Interni

Il piano di Verdini: “Ecco come mandare Berlusconi al Quirinale”

“Caro Marcello, caro Fedele, è stata davvero una bella mattinata nella quale alcuni ‘vecchietti arzilli’, come quelli di Cocoon, hanno ritrovato il gusto del sogno”. Così Denis Verdini decide di iniziare la sua lettera inviata ai due storici collaboratori di Silvio Berlusconi. Il paragone dell’ex senatore di Forza Italia, poi condannato in via definitiva a 6 anni e mezzo per bancarotta, è quello con i protagonisti del film Cocoon, dove un gruppo di anziani ritrova forza e vigore giovanile grazie ai bagni fatti in una piscina dove sono presenti alcune strane pietre che poi si riveleranno di origine extraterrestre.

Denis Verdini

“In trent’anni il centrodestra mai è stato così vicino, nei numeri, a poter conseguire un risultato che mai ha ottenuto”, scrive Verdini riferito alle ormai prossime votazioni per la presidenza della Repubblica. E Silvio Berlusconi, prosegue, “ha la legittima ambizione di coronare il suo straordinario percorso. Nessuno nel centro-destra può negargli questa opportunità”.

Denis Verdini suggerisce anche di “passare dai numeri garantiti da sedicenti portatori di voti, ai nomi. Questo servirà a far scoprire le carte e ad evitare che vi vendano due volte la stessa merce. E di assegnare a costoro una ‘firma’ riconoscibile”. Insomma, ogni gruppo parlamentare del centrodestra dovrebbe scrivere in modo diverso sulla scheda il nome di Berlusconi. In modo tale da farsi riconoscere e di rendere dunque la vita difficile ad eventuali franchi tiratori.

Se, invece, “sfortunatamente” l’elezione di Berlusconi non dovesse andare in porto, suggerisce Verdini, il Cavaliere “deve permettere a Salvini di portare a termine l’obiettivo di eleggere un presidente di centrodestra. Fornendogli tutto il suo appoggio”. Verrebbe così a cadere tutto il “chiacchiericcio” sul fatto che Berlusconi, in caso di mancata elezione, potrebbe spaccare il centrodestra votando una personalità come Mario Draghi o Giuliano Amato, invece di una figura di area.

Potrebbe interessarti anche: Denis Verdini rischia il carcere: la Cassazione lo condanna a 6 anni e mezzo

Torna su