Interni

Ilaria Cucchi, dalle parole ai fatti: presentata la querela contro Salvini

Detto fatto: Ilaria Cucchi ha depositato alle 10.40 del mattino, a Roma, la querela nei confronti di Matteo Salvini, l’ex ministro dell’Interno che nelle scorse ore si era espresso con parole provocatorie sulla vicenda che ha visto la condanna di cinque carabinieri, due per omicidio preterintenzionale, per la morte di Stefano. Il leader della Lega aveva infatti commentato la sentenza a carico di Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro sottolineando come fosse la droga il vero problema di quella terribile vicenda.”Sono vicinissimo alla famiglia, la sorella l’ho invitata al Viminale. Se qualcuno ha usato violenza ha sbagliato e pagherà. Questo testimonia che la droga fa male, sempre e comunque. E io combatto la droga in ogni piazza”. Queste le frasi usate da Salvini nell’occasione, che aveva fatto subito drizzare le antenne a Ilaria Cucchi, che aveva subito annunciato la volontà di querelare l’ex ministro dell’Interno per quelle frasi diffamatorie. Parole alle quali sono ora seguiti i fatti.

Salvini, da par suo, aveva risposto col solito stile alla notizia di un possibile provvedimento in arrivo nei suoi confronti. Mostrandosi strafottente, aveva preso in giro i giornalisti che gli chiedevano il senso dell’accostamento tra la droga e un ragazzo morto in ospedale per le percosse ricevute da parte di alcuni agenti, sentendosi rispondere per tutta risposta, con tono beffardo: “Io penso che la droga faccia male. Voi non lo pensate? Evidentemente abbiamo posizioni scientificamente diverse”.

Subito dopo Salvini aveva gonfiato il petto, dicendosi per nulla intimorito da Ilaria Cucchi: “Mi ha querelato Carola, ne ho ricevuto tante. Mi querelerà anche Cucchi. Io continuo a dire che la droga fa male. Se c’è qualcuno che pensa faccia bene, lo dica. La giustizia fa il suo corso ma che la droga faccia male si nostri ragazzi è un fatto. Mi ha querelato Carola, la Cucchi, va bene. Siamo in democrazia”.

“Dove sono i grillini?”. La Meloni dà degli assenteisti ai 5S. Ma in realtà ha sbagliato piano