Interni

“Inadatto a dirigere un ministero, Sgarbi lasci perdere la Cultura”, duro attacco di Roberto D’Agostino

“Fare il ministro non è un ‘one man show’ ma un lavoro di squadra. Devi riuscire a coordinare e a dirigere uno staff e devi sapere ingoiare rospi dalla mattina alla sera pur di portare avanti un programma. E Sgarbi non è adatto a questo ruolo”, così Roberto D’Agostino, direttore di Dagospia, in un’intervista all’AdnKronos, dalla cui redazione si sono ricordati di uno dei momenti più trash della televisione italiano, quando i due arrivarono alle mani nella trasmissione Mediaset di Giuliano Ferrara.

Vittorio Sgarbi

“Il consiglio che posso dare a Sgarbi è di lasciare perdere, di salvarsi, lo dico per la sua salute mentale – continua il giornalista – Fare il ministro è completamente diverso dal lavoro solitario di un critico d’arte che fa una mostra e dice la sua sugli altri. Quando vai a fare il ministro cambia la musica, lo spartito è diverso”.

“La politica è fatta di rapporti, mediazioni, relazioni e contatti. Lui è un uomo di cultura e ha conoscenza e competenza della materia, fa divertire e crea titoli, i giornali campano grazie a Sgarbi, ma non ce lo vedo lì, chino, con il Capo di Gabinetto e con alle spalle una macchina del potere che ti stritola. La macchina ministeriale prevede molta molta pazienza la capacità di stare seduto sedici ore con tutti i guai che ti piovono addosso”.

“Tutto il groviglio burocratico italiano non può certo essere sbrogliato dal carattere di Sgarbi – dice ironico – Lui ha una ambizione legittima ma lontana da quella che è la realtà. Deve mettere i piedi per terra. Se va a fare il ministro prende un frontale che gli basta per tutta la vita. Oltretutto siamo in un momento molto difficile per il nostro paese, c’è una guerra, non è il caso di aggiungere anche i fuochi d’artificio”.

Conclude così, con sarcasmo, il giornalista, sorvolando sulle numerose esperienze politiche già affastellate da Sgarbi, non certo luminosissime, ma che non ne fanno un personaggio di primo pelo.

Torna su