Esteri

In Inghilterra scatta la regola del 6 per frenare i contagi

Una regola del 6 per evitare i contagi. Di fronte alla risalita dei pazienti affetti da Covid, il governo inglese corre ai ripari: a partire da oggi infatti, in Gran Bretagna e Scozia sono vietati i raduni di oltre 6 persone sia all’aperto che al chiuso, mentre il divieto è in vigore in Galles solo al chiuso. In Irlanda del Nord la regola è già stata imposta il 24 agosto. Sono possibili riunioni di più di 6 persone soltanto a scuola, al lavoro, per matrimoni, funerali e in caso di squadre sportive. Le nuove restrizioni entrano in vigore mentre preoccupa la risalita dei contagi. L’11 settembre infatti, per la prima volta da marzo, l’indice R di riproduzione dei contagi è passato da 1 a 1,2. E ieri si sono registrati 3330 nuovi casi positivi, superando la soglia dei 3mila contagi per il terzo giorno consecutivo. Una netta marcia indietro dopo il limite alzato di recente a 30 persone e in vigore fino a ieri. Ma l’applicabilità di queste nuove regole desta molti dubbi.

Innanzitutto ci sono eccezioni importanti, come il lavoro in ufficio (fondamentale per Johnson per ripopolare il centro di Londra e i suoi business), i matrimoni e i funerali (fino a trenta persone), funzioni religiose, gli eventi sportivi riaperti al pubblico, e poi ovviamente le scuole, punto cardine della ripartenza post prima ondata in Regno Unito, come ha dichiarato più volte il premier Boris Johnson.
Dunque, la “regola del sei” è destinata a essere impattare soprattutto pub, ristoranti e visite casalinghe. Nel primo caso è piuttosto semplice controllare che si rispettino le regole: nei locali non ci saranno tavoli per più di 6 persone sedute vicine. Nel secondo sembra un compito alquanto complicato. Questa “regola” è un tentativo per contrastare l’aumento di contagi senza far ripiombare il Regno Unito in un nuovo lockdown. Una eventualità, questa, che potrebbe creare ulteriori danni all’economia.
Fino ad oggi in Inghilterra era possibile riunirsi fino a 30 persone, mentre le linee guida esortavano ad invitare in casa al massimo un’altra famiglia. Chi violerà la regola del sei pagherà una multa da 100 sterline, che raddoppierà ad ogni infrazione successiva sino ad un massimo di 3200 sterline.

Ti potrebbe interessare anche: Coronavirus: il dossier sul piano italiano scomparso dal sito dell’Oms