Intelligenza Artificiale: Amazon, Facebook e Ford al vertice con Trump alla Casa Bianca

Intelligenza Artificiale: Amazon, Facebook e Ford al vertice con Trump alla Casa Bianca

La Casa Bianca ha convocato per giovedì 10 maggio 2018 i dirigenti di Amazon, Facebook, Google, Intel e 34 altre importanti aziende statunitensi, per un summit sull’intelligenza artificiale. L’amministrazione americana vuole incentivare una più ampia diffusione dell’AI e l’uso di robot ed algoritmi in settori finora vergini. Secondo una bozza di programma dell’evento diffusa alla stampa, l’amministrazione Trump discuterà con le grandi aziende, con gli accademici e gli sviluppatori di AI di come adattare i regolamenti per far progredire l’intelligenza artificiale in campi come l’agricoltura, l’assistenza sanitaria e i trasporti. E sono pronti a discutere della possibilità da parte del governo degli Stati Uniti di finanziare la ricerca d’avanguardia su tecnologie come l’apprendimento automatico.

AI per far progredire l’intera economia

Per la Casa Bianca, la sfida consiste nel trovare un equilibrio tra i vantaggi dei computer, che possono individuare malattie o guidare automobili, e la realtà dei posti di lavoro (e anche delle vite) che sarebbero in gioco con l’introduzione incontrollata dell’intelligenza artificiale nelle nostre vite. «Che tu sia un agricoltore in Iowa, un produttore di energia in Texas o un produttore di farmaci a Boston, utilizzerai queste tecniche per far progredire la tua attività» ha detto in una recente intervista Michael Kratsios, vice capo della tecnologia alla Casa Bianca. All’evento di giovedì ci saranno rappresentanti di giganti della tecnologia come Microsoft, Nvidia e Oracle, così come di altre aziende come Ford, Land O’Lakes, Mastercard, Pfizer e United Airlines. Per Facebook sarà presente Jerome Pesenti, il suo vice presidente di AI, lo ha confermato la società stessa. Amazon ha in programma di inviare Rohit Prasad, il capo scienziato per il suo assistente vocale Alexa. All’evento alla Casa Bianca è atteso anche anche l’amministratore delegato di Intel, Brian Krzanich.

Il governo USA ha già speso oltre 2 miliardi di dollari per l’AI

Secondo le stime dell’amministrazione Trump, il governo statunitense ha speso più di 2 miliardi di dollari in programmi non classificati durante l’anno fiscale 2017 per ricercare e sviluppare la tecnologia AI. Sono dati forniti questa settimana dall’Ufficio della Scienza e della Tecnologia della Casa Bianca e non includono la spesa del Pentagono e dalle agenzie di intelligence chiave lontane dall’opinione pubblica. Tuttavia, molti esperti hanno detto che questa settimana avrebbero chiesto all’amministrazione Trump di dedicare nuove risorse federali per alimentare la ricerca sulla AI e aiutarli a competere con le imprese di altri paesi, in particolare la Cina, che sta investendo moltissimo in questo campo. Un punto chiave è il lavoro: dagli addetti alla formazione per i nuovi ruoli tecnologici per aiutare coloro che alla fine potrebbero essere spostati a causa dell’automazione. «Crediamo nel breve e nel medio termine che ci saranno perdite di posti di lavoro», ha affermato Paul Daugherty, responsabile capo della tecnologia e dell’innovazione della società di consulenza di gestione Accenture, che dovrebbe partecipare all’evento di giovedì. «Ci saranno nuovi posti di lavoro disponibili, ma la vera sfida è se potremo abbinare le persone e addestrarle in modo appropriato».
L’intelligenza artificiale contempla una vasta gamma di potenti tecnologie. Muove le auto a guida autonoma offerte da Uber e Waymo di proprietà di Google. È il software dietro gli assistenti vocali per smartphone come Siri di Apple e gli strumenti di riconoscimento facciale su Facebook. E la sua capacità di interpretare grandi quantità di dati viene anche sfruttata in modi nuovi e non convenzionali, compresi gli sforzi per ridisegnare il reclutamento della forza lavoro, l’agricoltura e la produzione alimentare.
Circa un anno fa l’amministrazione Trump aveva una posizione ufficiale completamente diversa sull’intelligenza artificiale. Steven Mnuchin, che era appena stato nominato segretario del tesoro, aveva detto ai giornalisti che l’intelligenza artificiale non era «nemmeno sul mio schermo radar», sottolineando che il vero uso e le implicazioni di quegli strumenti erano per un orizzione “da 50 a 100 anni”. L’uscita di Mnuchin guadagnò una rapida condanna in tutta l’industria tecnologica, proprio pochi mesi dopo che l’amministrazione uscente di Obama aveva pubblicato due documenti sulla politica di AI.

Leggi anche: Intelligenza Artificiale: un mercato da 6,6 miliardi di dollari

CONDIVIDI
Paolo Cantulla
Vero, ispirato, innovatore: sono i concetti legati al suo impegno giornalistico. Ormai attivo da anni nel settore, collabora con diverse riviste trattanti tematiche legate al business ed alla tecnologia digitale.