Interni

Quirinale: ipotesi Giorgetti o Di Maio premier con Draghi al Colle

Giancarlo Giorgetti o Luigi Di Maio premier se Mario Draghi dovesse trasferirsi al Quirinale. Per il momento si tratta di niente di più di una suggestione giornalistica. Un’ipotesi al momento lontana, che però non sembra essere poi tanto peregrina. Soprattutto se si protrarrà troppo l’incertezza durante le votazioni per la presidenza della Repubblica. Certo, Draghi al momento non sembra certo avere il vento in poppa verso il Colle. Ma le cose potrebbero cambiare nel giro di una notte.

Draghi e Giorgetti

A scrivere apertamente dell’ipotesi di un cambio della guardia a Palazzo Chigi è Stefano Iannaccone su Lanotiziagiornale.it. In queste ore tutto lascia pensare che Mario Draghi non ce la farà a spuntarla nella corsa al Quirinale, visto che quasi tutte le forze politiche gli hanno chiesto con forza di continuare il suo lavoro a Palazzo Chigi. Secondo Iannaccone, però, nei corridoi di Montecitorio si starebbe facendo sempre più largo l’ipotesi che l’ex governatore della Bce riesca a farsi eleggere al posto di Mattarella. E allora che fare? Si sarebbero chiesti i leader di partito.

Il no ad un governo tecnico, se Draghi dovesse andare al Quirinale, sembra scontato. In un governo politico, però, dovrebbero entrare i pezzi grossi. A cominciare dal nuovo presidente del Consiglio. Quattro i nomi sul tavolo per quel ruolo: quello del leghista Giancarlo Giorgetti, quello del Dem Dario Franceschini e quelli dei pentastellati Luigi Di Maio e Roberto Fico.

In pole position ci sarebbe proprio il ministro dello Sviluppo economico del Carroccio. Una soluzione che sarebbe gradita anche al suo leader Matteo Salvini, assicura il giornalista. “Alla fine faranno il nome di Draghi e per sostituirlo potrebbe spuntarla Giorgetti”, si è lasciato sfuggire ieri il vecchio Umberto Bossi. Inoltre, Giorgetti può vantare un ottimo rapporto con Draghi, visto che era stato proprio lui a proporre un “semipresidenzialismo di fatto” in caso di ascesa dell’attuale premier al Colle.

Potrebbe interessarti anche: Il piano di Giorgetti: Draghi al Quirinale e Salvini all’opposizione

Torna su