Start Up & Imprese

Italic, la nuova startup per acquistare beni di lusso a prezzi accessibili

Una nuova startup chiamata Italic afferma di aver ricevuto più di 100.000 iscrizioni per un marketplace in cui è possibile acquistare borse, occhiali e altri prodotti di lusso direttamente dai produttori che lavorano con i marchi più famosi del mondo.

Il mercato è stato lanciato ufficialmente poche ore fa.

Italic ha inoltre annunciato di aver raccolto 13 milioni in finanziamenti da Comcast Ventures, Global Founders Capital, Index Ventures, Ludlow Ventures, Kindred Ventures e molti altri.

Il fondatore e CEO Jeremy Cai in precedenza ha co-fondato la startup di assunzioni OnboardIQ di Y Combinator (ora conosciuta come Fountain.com ), rappresentando di fatto un grande cambiamento. Tuttavia, Cai ha detto di provenire da una famiglia del settore manifatturiero, quindi era perfettamente consapevole delle sfide che i produttori devono affrontare nella quotidianità.

La storia della produzione ha riguardato i piccoli margini. Anche se i grandi marchi producono il prodotto finale, guadagnano a malapena“.

Leggi anche: Startup, arriva l’invenzione di Vicis per i piccoli giocatori di football: ecco cos’è

Filo diretto tra consumatori e produttori

Secondo il modello tradizionale, sono i marchi che acquistano i beni dai produttori e fanno il vero profitto segnando i prezzi più alti. Così Cai ha visto un’opportunità per rimuovere i marchi dall’equazione: di fatto Italic si occupa del lato rivolto al consumatore del business, come la progettazione del prodotto e il marketing, ma in realtà non compra nulla. Invece, funziona più come un mercato, collegando tra loro consumatori e produttori.

Ciò significa anche che i produttori stanno assumendo più del rischio rispetto al costo iniziale della creazione dei prodotti, ma Cai ha detto che in cambio, ottengono molto più del rialzo. E a quanto pare, i primi partner di Italic “hanno colto l’occasione”, poiché “stavano aspettando un’opzione come questa per arrivare direttamente al consumatore”.

Leggi anche: I cinesi non comprano più beni di lusso in Europa: ecco perchè

Il lusso continua la scalata al successo: è il settore che traina la moda made in Italy

Come funziona il modello Italic

Secondo il modello Italic, i produttori rimangono anonimi, ma l’azienda dice che i clienti saranno in grado di acquistare borse e articoli in pelle dalle fabbriche che lavorano con Prada, Christian Louboutin e Givenchy; oppure occhiali da una fabbrica che lavora con EssilorLuxottica; fabbriche di biancheria da letto che lavorano con Ritz Carlton e Four Seasons; e giacche di pelle della stessa fabbrica di J Brand.

Il CEO Cai ha dichiarato che questo modello significa anche che i consumatori pagheranno molto meno il valore che i beni di lusso costerebbero nella realtà, visto che la maggior parte delle borse costerebbe meno di $ 300, gli occhiali da vista costeranno meno di $ 100, le giacche di pelle saranno pagate circa $ 425 e le coperte avranno un prezzo tra $ 80 e $ 120. Tutti sono certamente in grado di trovare altrove prodotti meno costosi, ma l’idea è quella di vendere “al quel 40% medio” dei consumatori che sono interessati a prodotti di alta qualità ma vogliono spendere meno.

E mentre Cai ha rifiutato di specificare la commissione che Italic sta caricando i produttori, ha detto che si differenzia da prodotto a prodotto e ha aggiunto: “I nostri produttori producono diversi multipli in più rispetto a quanto fanno con i loro attuali clienti.”