Interni

Giuliano Ferrara operato per infarto: il giornalista è grave

Giuliano Ferrara è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Misericordia di Grosseto. Secondo le prime indiscrezioni, il giornalista e fondatore del quotidiano Il Foglio è stato colpito nella notte scorsa da un infarto mentre si trovata nella sua abitazione di Scansano, nella Maremma toscana. Ferrara, che ha compiuto 70 anni lo scorso 7 gennaio, si sarebbe sentito male intorno alle 11 di ieri sera. Un’ambulanza del 118, giunta in pochi minuti sul posto, lo ha trasportato d’urgenza in ospedale.

Giuliano Ferrara

Qui i medici hanno deciso di sottoporlo ad un intervento di urgenza di angioplastica. Ora il giornalista, che ha ricoperto anche il ruolo di ministro per i Rapporti con il parlamento tra il 1994 e il 1995, durante il primo governo guidato da Silvio Berlusconi, è ricoverato nel reparto di terapia intensiva. E le sue condizioni, come già accennato, starebbero destando grandi preoccupazioni. I medici che lo hanno operato e che ora lo hanno in cura definiscono le sue condizioni cliniche “gravi ma stabili”. La prognosi al momento resta ovviamente riservata.

Logico che amici e conoscenti, anche del mondo politico, si siano precipitati sui social per far sentire tutta la loro vicinanza ad uno dei decani del giornalismo italiano. “Un forte abbraccio a Giuliano Ferrara, rimettiti in fretta. Abbiamo tutti bisogno della tua intelligenza e della tua ironia”, scrive su Twitter il viceministro alle Infrastrutture, Teresa Bellanova di Italia Viva.

“Un grandissimo in bocca al lupo a Giuliano Ferrara. Forza!”, cinguetta sullo stesso social network il segretario del Partito democratico, Enrico Letta. Siamo al fianco di Giuliano Ferrara in queste ore difficili. Forza!”, sottolinea il leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte. “Auguri di pronta guarigione a Giuliano Ferrara. Prego per la sua salute. Forza!”, lo incoraggia il coordinatore di Forza Italia, Antonio Tajani.

Potrebbe interessarti anche: Giuliano Ferrara si divora Salvini: “La decadenza di un bullo”

Torna su