Sport

La bufala di Cristiano Ronaldo e degli alberghi trasformati in ospedali

Aveva fatto il giro del mondo, in queste ore, la notizia del bellissimo gesto di Cristiano Ronaldo. Secondo la stampa spagnola, il fuoriclasse portoghese avrebbe infatti deciso di trasformare i suoi hotel in strutture sanitarie per prestare assistenza ai malati di coronavirus. Peccato, però, che la notizia si sia rivelata una bufala bella e buona, con tanto si smentita arrivata da Arena Deportiva, la prima testata a lanciare lo scoop, che ha chiesto scusa ai suoi lettori per aver pubblicato una fake news.

Al momento, dunque, il centravanti, che pure aveva annunciato iniziative benefiche per dare una mano a chi lotta contro la malattia, non ha intrapreso l’iniziativa di cui si era parlato. “È stata pubblicata una notizia sulla nostra pagina – si legge nella rettifica – su Cristiano Ronaldo intenzionato a trasformare i suoi hotel in ospedali per aiutare i contagiati in questa lotta contro il Coronavirus! Le informazioni circolavano già su diverse pagine Facebook, ma ciò che ci ha portato a pubblicare è stato pubblicato da Paula Carvalho, una persona per la quale abbiamo una grande stima e considerazione, essendo presidente dell’Associazione, no profit, Essência Humana!”.
“Abbiamo cercato subito di contattare le persone collegate a Cristiano per confermarlo, ma non ce l’abbiamo fatta! Come Cristiano ci ha già abituati a grandi gesti, e a causa di ciò che abbiamo già detto in precedenza abbiamo deciso di condividere queste informazioni. Per il bene della verità, nel frattempo abbiamo ricevuto un messaggio da Paula Carvalho, che dice che è stata indotta in errore da altre persone e abbiamo rimosso immediatamente le informazioni dalla pagina! Siamo stati ingannati anche noi!”. Infine, Arena Despurtiva si scusa per aver alimentato la fake news, ripresa anche dalle principali testate sportive italiane come vera. Tanti, comunque, i gesti che i campioni dello sport e dello spettacolo stanno realizzando in questi giorni per contribuire a una battaglia difficile ma non impossibile.

Conte agli italiani: “Continuate a cantare l’inno, tutti uniti ce la faremo”