Giustizia

Cesare Battisti diventa detenuto comune, ma è polemica: “Ultimo soccorso al terrorismo rosso”

Cesare Battisti resterà in galera, ma il suo regime carcerario è stato declassificato da alta sicurezza a comune. Il provvedimento è stato notificato dal Dipartimento amministrazione penitenziaria (Dap) allo stesso terrorista rosso nei giorni scorsi nel carcere di Ferrara, dove si trova in semi isolamento dal giugno del 2021. Battisti, ex membro del gruppo terroristico Proletari armati per il comunismo (Pac), deve scontare una condanna definitiva all’ergastolo per quattro omicidi. La notizia fa insorgere soprattutto i partiti di centrodestra. Il meloniano Galeazzo Bignami presenta un’interrogazione parlamentare. Mentre il collega di partito, Andrea Delmastro Delle Vedove, parla di “aberrazione”.

Cesare Battisti

“Ultimo soccorso al terrorismo rosso. – sbotta il responsabile Giustizia di FdI Andrea Delmastro Delle Vedove – Una aberrazione! Dopo anni di latitanza, appena assaggiato il regime carcerario italiano, il criminale terrorista ottiene la declassificazione a detenuto comune. Una vergogna! Ancora più una vergogna che il DAP stia prendendo questa gravissima e scellerata decisione a pochi giorni dal cambio del governo. L’impunità del terrorismo rosso non è certamente la politica che il governo di centrodestra intende mettere in campo”, conclude.

“Per giudicare questi provvedimenti dell’amministrazione penitenziaria bisogna conoscere le norme e le leggi. – spiega invece il garante regionale delle persone sottoposte a misure limitative o restrittive della libertà dell’Emilia-Romagna, Roberto Cavalieri – Dire che non è accettabile vuol dire ammetterle di non conoscere”.

“Questa persona ha seguito l’iter normativo in modo corretto, l’amministrazione penitenziaria ha riconosciuto quello che non poteva non riconoscergli. – prosegue Cavalieri parlando di Cesare Battisti – Declassificazione non significa che l’amministrazione penitenziaria cancella il fatto che ha fatto reati terroristici, ma è una questione gestionale e logistica. Non incide sul tipo di condanna che ha avuto. Vuol dire che diventa un detenuto comune “, conclude il garante.

Potrebbe interessarti anche: Cesare Battisti inizia lo sciopero della fame: “Violati i miei diritti”

Torna su