Interni

Lo strano caso dell’aggressione alla fan della Meloni: alla polizia non risulta

Un piccolo giallo, quello che riguarda una notizia diffusa e mai confermata: a Roma una donna sarebbe stata aggredita da un nigeriano perché stava leggendo il libro di Giorgia Meloni e Alessandro Meluzzi sulla ‘Mafia Nigeriana’. Ai carabinieri e alla polizia, però, non risultano episodi simili. Il fatto sarebbe accaduto giovedì 23 maggio e la vittima ha raccontato a una giornalista de Il Tempo, la presunta aggressione.

“A un tratto, non riesco ancora a capacitarmi perché è successo tutto velocemente, sono stata assalita da un uomo di colore. Dopo avermi strappato violentemente dalle mani il libro ha iniziato a insultarmi, dicendomi, tra le tante offese, anche ‘italiana di merda’. Poi ha iniziato a percuotermi, colpendomi sulla fronte, sulla nuca e sul naso. Per pura fortuna sono riuscita in qualche modo a ripararmi da ulteriori colpi”.
Quando sarebbe stata aggredita, la donna, sempre stando al suo racconto, era seduta sui sedili della banchina della stazione Termini in attesa della metropolitana. Secondo la versione della vittima, il nigeriano sarebbe stato fermato dalle forze dell’ordine, ma rilasciato dopo due ore. In seguito all’aggressione, la donna donna sarebbe andata in ospedale e i medici le avrebbero diagnosticato un “lieve trauma facciale, lieve trauma cerebrale e varie ecchimosi” con una prognosi di cinque giorni. Sulla vicenda è intervenuta anche la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, che ha commentato con un post su Facebook e una nota ufficiale.Stando a quanto riportato dalla testata Fanpage, però, si tratterebbe di un falso: “La questura di Roma, contattata due volte, ha riferito di non aver notizie in merito all’aggressione. Sicuramente non è stata aperta alcuna scheda sull’episodio, non è stata presentata denuncia e non risultano interventi dei poliziotti per un caso come quello descritto dalla vittima”. Stessa versione per quanto riguarda i carabinieri, anche loro totalmente estranei all’accaduto. 

Alla faccia della Brexit: in Gran Bretagna trionfano gli europeisti