People

La fase di votazione è conclusa. I nove finalisti del concorso Vere Imprese

Negli scorsi mesi si sono effettuate le fasi di registrazione e votazione del concorso Vere Imprese, ideato da GoDaddy, la più grande piattaforma cloud a livello internazionale, e si sta ormai avvicinando il momento della proclamazione dei vincitori.

Nell’ottica di incrementare la digitalizzazione delle aziende italiane, questa iniziativa ha permesso a Piccole e Medie Imprese, Tech Startup e Imprese Individuali di esporre il proprio percorso imprenditoriale e farsi votare, entrando in competizione per aggiudicarsi i 3 premi, uno per ogni categoria di impresa, che consistono in piani di comunicazione professionale del valore di 20.000 € ciascuno per promuovere online la propria attività.

Il 22 novembre si svolgerà a Milano un evento che  comprenderà una Masterclass, dalle 15:00 alle 17:00, che vedrà la presenza di nomi di solida esperienza, ovvero Cosmano Lombardo, CEO & Founder di Search On Media Group, e Marco Quadrella, Chief Operating Officer del reparto Consulenze di Search On Media Group.

Successivamente, dalle 17:30, partirà l’ultima fase del concorso, con il racconto da parte delle 9 aziende finaliste delle caratteristiche più salienti della propria attività ai giurati, scelti fra nomi importanti del mondo del business e del marketing. Infine, i giurati elaboreranno le proprie valutazioni e arriveranno ad aggiudicare i 3 premi finali, con la proclamazione dei vincitori.

Le aziende vincitrici avranno così la possibilità di ampliare la propria visibilità e le proprie competenze grazie ad una formazione di alto livello, che mette al centro il valore sempre più essenziale di conoscenze approfondite in ambito di comunicazione digitale e marketing online, leve indispensabili ormai per far conoscere al vasto pubblico le proprie iniziative professionali. Innovazione e aggiornamento tecnologico procedono infatti ormai di pari passo e, per non rimanere indietro, è necessario investire sull’acquisizione di saperi specifici, svecchiando un ambiente imprenditoriale come quello italiano ancora troppo ancorato a dinamiche e metodologie desuete, per incamminarsi a passo spedito verso un futuro più brillante e di successo.