Interni

La Lega sotto il 25%: tonfo clamoroso, Salvini ora è ai minimi storici

Un tonfo senza fine, quello della Lega di Matteo Salvini. Passata per la prima volta da tanti mesi a questa parte sotto la fatidica soglia del 25%, a dimostrazione di come il Capitano sia ormai sempre più solo alla guida della sua nave. Il Carroccio perde infatti quasi un punto percentuale in una settimana e si ferma al 24,9%, sotto di quasi 1o punti rispetto alle scorse elezioni europee di maggio 2019, quando portò a casa il 34,3%.

A testimoniare la discesa della Lega è l’ultimo sondaggio Ixè, realizzato per Cartabianca, nelle giornate del 4 e 5 maggio. Il Carroccio, che è stato forse penalizzato dal fatto che la Lombardia, a guida del leghista Fontana, è stata la Regione italiana più colpita dal virus, si trova ad appena 2 punti di distacco dal Partito Democratico, ormai stabile dallo scorso 21 aprile al 22,9%.
Per quanto riguarda gli altri partiti all’opposizione, sale di quasi due punti Fratelli d’Italia, che con un balzo in avanti si porta al 13,8% dal 12% della scorsa settimana, sempre nel centrodestra è invece in lieve calo Forza Italia, che dopo varie settimane di crescita, perde lo 0,7 e si porta al 7,2% dal 7,9.Per quanto riguarda invece l’area di governo, fa una buona performance negli ultimi sette giorni il Movimento 5 Stelle, raggiungendo il 16,8% dal 16,4%, in leggeremo aumento rispetto a una settimana fa (+0,4%). E ancora, perdono le altre lista che gravitano attorno all’area di sinistra, con la Sinistra al 2,8 dal 3,2 e Italia viva al 2,6 dal 2,9. Cresce lievemente +Europa, che con un +,01% si porta al 2,1%. Vanno giù Europa Verde e Azione di Calenda, rispettivamente date al 2% e all’1,1%.

La task force avvisa il governo: “Immuni? Così com’è non funziona”