Interni

La magia del Natale: oltre 1000 km per regalare un piatto di orecchiette a un’anziana

Ci sono notizie che, con l’avvicinarsi delle festività natalizie, non possono che scaldare il cuore. E farci riflettere su come, ogni tanto, sarebbe davvero importante lasciare il ruolo di protagonista agli altri, preoccupandoci del loro bene piuttosto che guardare sempre in casa nostra. Per fortuna, esistono organizzazioni che sono da anni in prima fila per regalare sorrisi a chi non se lo aspetta. Con gesti semplici, apparentemente banali, fortissimi.

A rendersi protagonista di un gesto bellissimo è stata in queste ore l’associazione Un sorriso in più onlus che, come raccontato da Andrea Lattanzi sulle pagine di Repubblica, permette alle persone di regalare a un anziano ospite di una casa di riposo qualcosa che desidera. Un’iniziativa che non è passata inosservata e che ha spinto una ragazza a mettersi in moto per realizzare le volontà di quella che in teoria era una semplice estranea.
“Quando ho visto l’annuncio sul sito ho pensato che mia nonna se ne era andata da poco e allora ho voluto fare un regalo a un’altra nonna”. Ivana Palieri ha così deciso di partire in macchina da Cerignola, in provincia di Foggia, per esaudire il desiderio della settantanovenne Maria Giacinta Fontana che, originaria a sua volta della Puglia, aveva chiesto per questo Natale un piatto di orecchiette in piena regola grazie all’aiuto della residenza Oasi Isenior di Cerro Maggiore (Mi) dove risiede.

“Le facevo sempre quando c’era ancora mio marito e – ha raccontato l’anziana signora – oggi sono davvero felice”. Ivana, partita assieme all’amica Valentina Bruno, ha portato assieme alle orecchiette anche le cartellate, dolce tipico natalizio della Puglia. “Quest’anno abbiamo esaudito già più di 1.700 desideri e – ha spiegato Laura Bricola di Un sorriso in più Onlus – invitiamo le strutture a mandarci ancora richieste. C’è tempo fino dopo Natale”.

Stefania, uccisa e bruciata: il figlio della killer chiede scusa a scuola alla figlia della vittima