Economia

La Mozzarella di bufala campana Dop sarà più tutelata in America

La Mozzarella di Bufala Campana Dop non sarà più un formaggio qualunque all’estero: grazie ad un recente accordo firmato il 6 agosto, presso la sede del Consorzio, a Caserta, dal presidente di quest’ultimo, Domenico Raimondo, e dal vice presidente del Us Dairy, nonché direttore del Consorzio dei Nomi Comuni, Jaime Castaneda, la nostra Mozzarella di Bufala riceverà una maggior tutela negli Stati Uniti. L’accordo garantisce maggiore trasparenza nei confronti dei consumatori, facendo chiarezza sul libero utilizzo del nome mozzarella: il documento congiunto, infatti, sancisce il carattere distintivo della denominazione “Mozzarella di Bufala Campana Dop” e stabilisce che qualsiasi richiamo, testuale o grafico, al territorio di produzione su un prodotto similare, lede i diritti della Dop campana. Inoltre, i due enti hanno concordato il libero utilizzo del termine “mozzarella” per definire un formaggio prodotto secondo quanto disposto dal Codex Alimentarius e dello standard della Food and Drug Administration Usa.

“Questo accordo porterà chiarezza ai consumatori americani e globali, proteggendo al contempo la loro capacità di scegliere tra un’ampia selezione di prodotti alimentari di alta qualità”, sottolinea Castaneda. “Si tratta di un passo importante – aggiunge – sulla strada del dialogo per proteggere i diritti dei produttori di nomi generici e dei titolari di indicazioni geografiche. Non vediamo l’ora di continuare a lavorare con i nostri colleghi italiani per costruire il futuro su queste fondamenta di rispetto reciproco per le nostre rispettive industrie alimentari e vinicole”.
La nuova intesa apre la strada anche per quanto riguarda il dialogo sulla protezione dei prodotti di origine in America e nei mercati globali nel rispetto dei diritti delle aziende di produrre prodotti generici. Per l’export della Bufala Campana gli Stati Uniti sono il primo Paese extra Ue, con una quota pari al 7% e grandi potenzialità, vista la richiesta crescente di prodotto certificato.

Ti potrebbe interessare anche: Il made in Italy non muore mai: così la bellezza italiana riesce ancora a incantare il mondo