Esteri

Ucraina, Grimaldi (M5S): “Dopo Zelensky, invitiamo anche Putin alla Camera”

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky parlerà in collegamento video con il Parlamento italiano. L’appuntamento è fissato per martedì 22 marzo. Zelensky si è già rivolto allo stesso modo sia ai parlamentari americani che a quelli tedeschi. Un appuntamento molto atteso nel nostro Paese. Ma non tutti si mostrano così entusiasti. È anche il caso del deputato del M5S, Nicola Grimaldi, che dopo essersi astenuto sul decreto Ucraina, lancia una provocazione chiedendo che, dopo Zelensky, anche il presidente russo Vladimir Putin venga invitato a parlare di fronte alla Camera.

“No, non sono contrario. Bene Zelensky, ma bisogna sentire anche l’altra parte, per capire la situazione. Mi piacerebbe che parlasse alla Camera Putin”. Così Grimaldi risponde alla prima domanda del giornalista di Repubblica che lo sta intervistando. “Un voto di coscienza. – spiega i motivi della sua astensione – Ma ho avvisato il capogruppo Davide Crippa e gli altri. Non cerco strappi. Ma non credo che spedire armi letali all’Ucraina sia risolutivo per il conflitto”.

Zelensky e Putin

“Credo che la pace debba passare dal negoziato, dalla diplomazia, bisogna spingere in questo senso, ma mi rendo anche conto che è quasi impossibile trattare con la Russia in questo momento, mentre continuano gli attacchi”, riflette il deputato pentastellato. “Fosse per me, chiederei un intervento delle Nazioni Unite, dei caschi blu, come avvenuto in Serbia. Anche se è un’operazione che va autorizzata”, questa la proposta di Grimaldi.

“La Russia può mettere il veto, lo so. – ammette Grimaldi – Però credo che le armi non siano mai la soluzione. Per il resto, sono favorevole a tutti gli aiuti umanitari all’Ucraina. Ero anche pronto a partire, come medico più che come parlamentare, con la missione organizzata dalla comunità Giovanni XXIII a Leopoli. Sono in contatto con la Farnesina che ha sconsigliato la missione per ragioni di sicurezza”, conclude.

Potrebbe interessarti anche: Incontro Putin-Zelensky: secondo la Turchia è possibile

Torna su