Mass Media

Piazzapulita, Angelo D’Orsi: “Qualcuno ha mai visto foto di un partigiano ucraino?”

Tensione altissima nello studio di Piazzapulita mentre si discute di guerra in Ucraina. Il conduttore Corrado Formigli domanda al suo ospite, lo storico Angelo D’Orsi, perché secondo buona parte della sinistra italiana la nostra resistenza non possa essere minimamente paragonata a quella ucraina contro i russi. E D’Orsi non si lascia pregare mettendo in fila una serie di dichiarazioni che alimentano la polemica.

Angelo D’Orsi a Piazzapulita

“È insopportabile per una parte della sinistra associare l’idea di resistenza partigiana italiana all’idea di resistenza ucraina. Come se non fossero minimamente paragonabili queste due situazioni. È così?”, domanda Formigli al suo ospite. “Infatti non sono paragonabili- replica secco D’Orsi – È un paragone decisamente errato sul piano storico e su quello politico. Semplicemente possiamo dire che nella misura in cui si resiste ad un attacco è una resistenza”.

“Ma paragonare la resistenza, intesa come l’attività armata dei nostri partigiani tra il 1943 e il 1945, per quello che vedo in Ucraina, è assolutamente fuori da qualunque logica storica. – prosegue D’Orsi nella sua spiegazione – E poi quando si dice che dobbiamo dare le armi perché anche gli americani davano le armi ai partigiani, dimentichiamo che gli americani erano belligeranti. In quel caso dalla stessa parte dei partigiani e contro un nemico comune”.

“Allora dobbiamo dire che l’Italia è cobelligerante se si mette a dare armi. – insiste ancora l’ospite di Piazzapulita – E se questo è, allora stiamo violando in maniera palese la Costituzione. Noi dobbiamo ricordare che quella azione non era semplicemente conto l’invasore. “Qualcuno ha detto che Bella Ciao! Sembra scrItta per gli ucraini, siamo proprio alla follia. Quella era un’azione degli antifascisti che venivano da un ventennio di oppressione e di lavoro sotterraneo in clandestinità. Era un’azione di italiani contro i fascisti italiani. “Qualcuno di voi ha mai visto la foto di un partigiano ucraino? Dove sono questi partigiani”, conclude D’Orsi con questa provocazione.

Potrebbe interessarti anche: Piazzapulita, Formigli al giornalista russo: “Cosa accadrebbe se criticasse Putin?”

Torna su