Cronaca

Papa Francesco rivela: “Anche preti e suore guardano i porno”

Papa Francesco stupisce ancora una volta. Durante un recente incontro con i seminaristi che studiano a Roma, il Papa ha fatto una imbarazzante ma importante ammissione. Secondo il Pontefice, infatti, anche preti e suore guardano il porno su internet. Una pratica sempre più diffusa contro la quale però lancia il suo monito.

Papa Francesco

“La pornografia digitale è un vizio che ha tanta gente, tanti laici, tante laiche, e anche sacerdoti e suore. – rivela Papa Francesco parlando con i seminaristi – Il diavolo entra da lì. E non parlo soltanto della pornografia criminale come quella degli abusi dei bambini: questa è già degenerazione. Parlo della pornografia un po’ ‘normale’. Cari fratelli, state attenti”, avverte il Pontefice. Poi, rispondendo ad un seminarista sull’uso dei social network e dei telefonini, aggiunge: “Credo che queste cose si debbano usare, perché è un progresso della scienza, fanno un servizio per poter progredire nella vita”.

“Io non li uso perché sono arrivato tardi, sapete? – ironizza sulla questione Papa Francesco – Quando sono stato ordinato vescovo, 30 anni fa, me ne hanno regalato uno, un telefonino, che era come una scarpa, grande così, no?. Io dissi: ‘No, questo non ce la faccio a usarlo’. E alla fine ho detto: ‘Farò una chiamata’. Ho chiamato mia sorella, l’ho salutata, poi l’ho restituito. ‘Regalami un’altra cosa’. Non sono riuscito a usarlo. Perché la mia psicologia non andava o ero pigro, non si sa”.

“C’è un’altra cosa che voi conoscete bene: la pornografia digitale. – prosegue poi – Non vi chiederò: ‘Alzi la mano chi ha avuto almeno un’esperienza di questo’. Ma ognuno di voi pensi se ha avuto l’esperienza o ha avuto la tentazione della pornografia digitale. Il cuore puro, quello che riceve Gesù tutti i giorni, non può ricevere queste informazioni pornografiche, che oggi sono all’ordine del giorno. E se dal tuo telefonino tu puoi cancellare tutto questo, cancellalo. Scusatemi se scendo a questi dettagli sulla pornografia, ma c’è una realtà: una realtà che tocca i sacerdoti, i seminaristi, le suore, le anime consacrate. Avete capito? Va bene. Questo è importante”, conclude Papa Francesco.

Potrebbe interessarti anche: Papa Francesco: “Dimissioni? La porta è aperta”

Torna su