Mass Media

Dimartedì, Ginevra Bompiani contro Giorgia Meloni: “Una vera buffona”

Giorgia Meloni è una “vera buffona”. È questo il giudizio senza appello espresso dalla scrittrice Ginevra Bompiani, ospite dell’ultima puntata di Dimartedì. Il conduttore Giovanni Floris le domanda la sua opinione sulla destra italiana. E la Bompiani non si fa certo pregare, prendendo prima di mira il leader della Lega Matteo Salvini. Per concentrarsi poi su quella di Fratelli d’Italia, sulla quale il suo giudizio non è certo lusinghiero.

Ginevra Bompiani ospite di Dimartedì

Floris domanda alla sua ospite quale sia il suo punto di vista sulla destra italiana. “Mi pare che Salvini sia arrivato a quel momento della sua carriera in cui gli si può dare addosso. Infatti tutti gli danno addosso. – parte subito in quarta la Bompiani – Io salterei questo momento. Lo lascerei andare per la sua strada che penso da tempo sia una strada a perdere. E lui, come dire, gioca a perdere”, sottolinea la scrittrice.

“Secondo me invece bisogna stare attenti a non prendere con apprensione e attenzione la Meloni. – sposta poi il mirino sulla leader di Fdi – Perché a dire la verità, se bisogna ridere, ridiamo della Meloni che è molto più buffona di Salvini. Una vera buffona”. Ginevra Bompiani si mette anche ad imitare la Meloni quando parla in Spagnolo durante i suoi comizi all’estero. “Ma è ridicolo. Le cose che dice la Meloni sono ridicole”, sbotta definitivamente la scrittrice.

“Adesso discuteremo del suo giudizio. Non della buffona perché comunque parliamo di una deputata che rappresenta molti italiani. Però lei può ritenere ridicole le sue posizioni”, chiosa allora Floris. “Io ho molta paura della donna nera, perché è un tipo umano che in Italia può piacere. – insiste però la sua ospite. Ma a quel punto si sente una voce fuori campo che grida. È il giornalista di Libero Pietro Senaldi: “Sapeste che paura ha l’italiano medio di avere ancora il Pd al governo”.

Potrebbe interessarti anche: Dimartedì, Letta: “Salvini o Meloni premier problema enorme per l’Italia”

Torna su