Mass Media

La Zanzara, Mauro da Mantova intubato: al supermercato con 38 di febbre

Mauro da Mantova è ricoverato in terapia intensiva e le sue condizioni sembrano essere abbastanza gravi. È lo stesso Giuseppe Cruciani a confermare la notizia durante la diretta de La Zanzara di giovedì 9 dicembre. Mauro Da Mantova, al secolo Maurizio Buratti, è infatti da anni uno degli ospiti fissi del programma radiofonico che Cruciani conduce su Radio24 insieme a David Parenzo. Lo stesso ‘Maurone’ si vanta di essere un no vax. I fan della Zanzara gli fanno sentire la sua vicinanza, anche se non manca nemmeno chi gli augura la morte.

Mauro da Mantova a La Zanzara

“Si trova in ospedale a Verona. Ho avuto modo di sentirlo nei giorni scorsi e si capiva dalla voce che stava malissimo”, dichiara Giuseppe Cruciali durante l’ultima puntata de La Zanzara, confermando che Mauro da Mantova si trova intubato in terapia intensiva e, per il momento, non sembra rispondere alle cure che gli vengono somministrate. Una situazione drammatica quella del carrozziere di Mantova, protagonista di infinite polemiche radiofoniche con Cruciani e Parenzo.

Da quando poi è iniziata l’emergenza provocata dalla diffusione del Covid, Buratti si è sempre dichiarato orgogliosamente no vax, nonostante le sue condizioni fisiche da tempo non siano certo delle migliori. Nei giorni scorsi, sempre dai microfoni de La Zanzara, Mauro da Mantova si era persino vantato di essere uscito tranquillamente di casa con 38 di febbre, senza aver fatto alcun tampone. E di essersi recato persino al supermercato, rischiando di infettare altre persone.

Alla fine, quando le sue condizioni fisiche hanno cominciato a peggiorare irrimediabilmente, sono stati proprio i fan de La Zanzara a convincerlo a ricoverarsi. Appena in tempo per salvarsi, visto che è finito subito in terapia intensiva. Anche Cruciani teme ora per la sua vita. Ma il conduttore fa ascoltare anche i commenti di alcuni personaggi che non si fanno scrupolo ad augurare la morte a Maurone.

Potrebbe interessarti anche: Parenzo infuriato con l’avv Milanese: “Discriminazione fu quella fascista contro ebrei”