Mass Media

Non è l’Arena, le gravi accuse di Amurri a Zelensky: “Viveva nel lusso”

Zelensky come Putin? È questa l’accusa che la giornalista Sandra Amurri rivolge al presidente ucraino durante l’ultima puntata di Non è l’Arena. Secondo la Amurri è vero che il presidente russo Vladimir Putin vive nel lusso più sfrenato. Ma la stessa cosa può essere detta del suo omologo ucraino, proprietario di diverse ville, una anche in Toscana.

Sandra Amurri contro Zelensky

“Anche Zelensky mi pare che non vivesse in povertà, con ville a non finire”, così Sandra Amurri commenta il servizio appena mandato in onda sulla enorme villa di Putin in Russia. “Eppure non mi pare che in Ucraina le persone non facessero la fame. Non stiamo parlando di Mujica, il presidente povero dell’Uruguay. Stiamo parlando di persone che vivono nel lusso sfrenato. Tutti sapevano chi era Putin ma ci hanno fatto affari”.

Giletti le domanda che cosa ne pensi della villa di Zelensky in Toscana. “Penso che tu abbia sbagliato tutto. Avresti dovuto fare l’attore comico e con i guadagni ti saresti potuto comperare una villa a Forte dei Marmi, invece di stare lì al freddo e al gelo a fare l’inviato di guerra. Penso questo. Non riesco a rispondere seriamente”, chiosa sarcastica la Amurri. “Tu sai che oggi toccare Zelensky è pericoloso. Anche dire che non sono tutte colpe di Putin è molto pericoloso. C’è un pensiero unico che va in una direzione”, la stoppa il conduttore di Non è l’Arena. “Io lo tocco invece”, insiste però la giornalista senza timore di essere criticata.

“Sai Massimo siamo in democrazia in Italia o no? C’è la libertà vero? – commenta piccata Sandra Amurri – Non siamo in Russia. Posso dire una cosa diversa da quella che pensano gli altri. Zelensky è arrivato al potere grazie ad un oligarca che era il produttore della fiction (di cui era protagonista). Non è che c’è arrivato perché era un politico di lungo corso, era uno statista. Che non lo fosse lo vediamo dai suoi interventi”, conclude la giornalista andandoci giù pesante.

Torna su