Leap Home, la sostenibilità in casa

2.0 K

Grande, antisismica e a prezzi vantaggiosi. Leap Home è un prefabbricato in legno studiato per chi vuole mettere su casa sfruttando metodi ecostenibili, veloci ed economici. Il materiale è anche antisismico.

Con un prezzo compreso fra i 1800 e i 2200 euro si può acquistare casa. Lo sanno bene Stefano Testa e Luca Gentilcore, fondadori di Leap Facroty, azienda che produce prefabbricati ad uso abitativo. Da poco è uscita sul mercato Leap Home, un prefabbricato in legno costruito in maniera antisismica.

Di solito siamo abituati a considerare il legno come un materiale fragile, ma Leap Home dimostra il contrario.

verde

Il materiale e il design

Leap Home unisce il risparmio al design. Il legno infatti è un tipo di materiale che rimanda all’idea della natura nella sua interezza. Chi lo sceglie è per realizzare la propria casa al mare, in campagna o all’interno di un vasto giardino. Visitando i prefabbricati di Leap Factory si percepisce il senso di armonia che si respira in ambienti non contaminati. Oltre ai legni chiari che dipingono il pavimento, si innalzano sulle pareti e si vedono sui gradini delle scale, ci sono altri componenti come il metallo usato per sorreggere o dividere le parti della casa. Leap Home è rivolto per qualsiasi desiderio dei abitazione: dalla casa a un piano fino a quella a due piani con scale. Anche gli interni come mobili o sedie sono integrati con il fabbricato, per esempio di colori simili o di materiali che si avvicinano molto. Tutte le costruzioni vengono costruite in loco, così da risparmiare tempo e costi.

travi

I trascorsi di Leap Factory

L’idea di Leap Home è venuta ai due imprenditori dopo una forte esperienza di costruzioni in alta quota. Stefano Testa è un architetto e ha insegnato Interni e progettazione architettonica al Politecnico di Milano. Architetto è anche Luca Gentilcore che ha lavorato sia in proprio che con diversi studi. Entrambi hanno a montagna nel cuore, tanto che Stefano Testa è maestro di arrampicata e Luca Gentilcore è istruttore di sci. Unendo la professionalità di architetti e la passione per cime e percorsi, hanno fondato Leap Factory. Una delle prime costruzioni dell’azienda è stata il Bivacco Gervasutti, una capanna che funge da rifugio che sciatori e appassionati di camminata in Valle D’Aosta. Costruito con una scocca in metallo, è composto da 4 stanze e 12 letti. Gli impianti energetici funzionano con energia fotovoltaica.

legno

I successi fuori dall’Italia

Anche fuori dal Belpaese Leap Factory ha realizzato opere importanti. Sul monte Elbrus, in Russia, i due archietetti hanno firmato l’eco-hotel Leaprus che dal 2013 è aperto al pubblico. Consapevoli delle tecniche e della bontà dei propri progetti, oggi il loro obiettivo è realizzare opere come Leap Home destinate al mercato di massa.

CONDIVIDI
Chiara Pavan
Classe 1988, laureata in lingue, dopo aver viaggiato come traduttrice di testi, decide di comporre i suoi, legati al mondo che la appassiona: quello del business. Da sempre attratta dalle nuove tecnologie, collabora con diverse testate di settore.