Interni

Mancava solo lui: scende in campo anche Lele Mora, con un partito e degli alleati già in mente

Non c’ è soltanto Silvio Berlusconi, che ha ufficialmente annunciato la sua partecipazione in prima fila alle prossime elezioni europee. In campo è infatti sceso anche un altro nome, decisamente più a sorpresa: Lele Mora, l’ex agente dei vip italiani, che ha a sua volta fatto sapere che potrebbe essere tra i contendenti della prossima tornata elettorale. La notizia è arrivata dal diretto interessato, fresco di nomina alla presidenza del partito Unione Cattolica.

Mora ha dichiarato ai microfoni della trasmissione I Lunatici su Rai Radio 2: “Al massimo in due anni entreremo in Parlamento. Ho chiesto in questi giorni a molti volti noti della televisione e del giornalismo italiano di aderire al mio partito e essi mi hanno risposto che non vedono l’ora di farne parte. Ho scelto Unione Cattolica perché è l’unico partito politico, esistente in Italia, che si fonda sui principi della filosofia cristiana, che fa del perdono il suo punto focale”.
“Candidarmi alle elezioni? Nel partito Unione Cattolica avrò un ruolo molto attivo – ha aggiunto Mora – anche da candidato in prima persona. Pure se ho avuto dei precedenti penali, ci si dovrà passar sopra. Non ho ucciso nessuno. Ho fatto degli errori, ma non è che siano chissà cosa. Scendo in campo a 360 gradi. Sono pronto a dare tutto agli amici che così fortemente mi hanno voluto”.Tra i possibili alleati un nome, quello di Giorgia Meloni. “È l’unica con cui potrei dialogare, la signora Meloni dice cose vere, belle, giuste. Non promette mai cose irrealizzabili. È una donna vera, una vera politica, sa parlare, distinguere le cose che deve dire da quelle che deve fare. La manovra che hanno presentato in questi giorni i nostri governanti è ignobile. Se gli italiani avevano 2 euro, glieli stanno portando via”.

Mi si è ristretto il reddito: l’assegno reale crolla a 390 euro al mese, i veri numeri della misura simbolo 5S