Interni

Letta, un video per dire sì al Pd: “Mi candido alla guida del partito”

Un video per annunciare la propria disponibilità a guidare il Pd in un momento di grande difficoltà per il partito. Così Enrico Letta, con un filmato, ha anticipato il suo prossimo intervento all’assembela dem: “Io credo alla forza della parola, nel valore della parole. Chiedo a tutti coloro che domenica voteranno in assemblea di ascoltare le mie parole e di votare sulla base delle mie parole”. Poi ringrazia Zingaretti: “Mi lega a lui profonda amicizia e grande stima”.

Letta, un video per dire sì al Pd: "Mi candido alla guida del partito"

Sette anni dopo lo sgambetto di Matteo Renzi, che sfrattò di fatto Letta da Palazzo Chigi, l’ex premier ha raccolto dunque l’invito lanciato da tanti big del partito annunciando la sua futura leadership. “Sono qui ad annunciare mia candidatura alla guida del Pd” ha detto durante un video lungo poco meno di un minuto. Un messaggio conciso in cui Letta ha spiegato che parlerà domenica all’assemblea del partito, che poi dovrà eleggerlo segretario.

Letta, un video per dire sì al Pd: "Mi candido alla guida del partito"

“Io credo alla forza della parola, nel valore della parole. Chiedo a tutti coloro che domenica voteranno in assemblea di ascoltare le mie parole e di votare sulla base delle mie parole sapendo che io non cerco l’unanimità ma la verità nei rapporti tra di noi per uscire da questa crisi e guardare lontano”.

Letta, un video per dire sì al Pd: "Mi candido alla guida del partito"

“Lo faccio per amore della politica e passione per i valori democratici” ha aggiunto, ringraziando esplicitamente Nicola Zingaretti. “Mi lega a lui profonda amicizia e grande stima”. Proprio l’ex segretario è stato tra i primi a commentare la notizia: “Letta segretario? Credo sia la persone giusta. Se guiderà questo rinnovamento abbiamo raggiunto un grande obiettivo. Ha fatto un bellissimo video, un’ottima impostazione. Un primo passo giustissimo”.

Ti potrebbe interessare anche: Esperta in Burlesque! Ecco la nuova assessora alla cultura di Roma scelta dalla Raggi