Senza categoria

Levante contro Meloni: “Mi viene la nausea”

Dopo Elodie preoccupata dal programma elettorale di Fratelli d’Italia, dopo Loredana Berté indignata per il trattamento che la leader di destra ha riservato alla senatrice a vita Liliana Segre, ora tocca a Levante esprimere il suo disaccordo per le posizioni politiche di Giorgia Meloni. Lo fa con un lungo post su Instragram.
“Presentandomi a voi dicendo a gran voce “sono una donna, sono una madre, sono cristiana” – senza un lontanissimo cenno di umiltà (soprattutto sul tema della fede) – chi potrebbe sentirsi escluso dal mio urlo orgoglioso che suona come una verità assoluta? Unica visione possibile. Mi vengono in mente le donne che non sono madri, le donne che non sono cristiane (ma certo, anche tutti gli uomini). Se poi facessi un distinguo tra gli immigrati di serie A (“i venezuelani cristiani di origine italiana”) e quelli di serie B (i poveri Cristi di tutte le religioni? Chissà!) starei forse continuando un discorso di esclusione? Se poi elogiassi Mussolini dicendo che “è stato un grande politico” (e utilizzassi un simbolo fascista per l’immagine del mio partito) starei calpestando la dignità, la sofferenza e la storia di quante persone? Se parlassi di “devianze” per riferirmi a disturbi alimentari che affliggono migliaia di giovani e non, quanta gente ferirei? Se mi schierassi contro l’aborto senza difendere il diritto delle donne a disporre del proprio corpo?”.

Levante conclude: “Non proseguirò questo elenco, ho un po’ di nausea. Fortunatamente nulla di cui sopra somiglia al mio modo di vivere e di rapportarmi agli altri. Ma visto che sono una donna, sono una madre e provo ad essere un’umana degna di essere tale, vorrei riportare un pensiero puntuale di Elly Schlein: C’è molta differenza tra leadership femminili e leadership femministe”.

Torna su