Interni

Conte ha incontrato Orsini: “Apprezzo molto il suo pensiero laterale”

Giuseppe Conte e Alessandro Orsini si sarebbero incontrati segretamente una decina di giorni fa. La notizia avrebbe dovuto restare riservata, ma oggi è il quotidiano Repubblica a riferire diversi particolari del presunto colloquio. I protagonisti negano, ma sembra che tra il leader del M5S e il professore della Luiss sia sorta subito una reciproca stima. Ecco così spiegate le insistenti voci circolate nei giorni scorsi su una possibile discesa in campo politica di Orsini proprio con i pentastellati. Altra ipotesi respinta al mittente dal professore.

Giuseppe Conte

L’incontro tra Conte e Orsini sarebbe avvenuto all’inizio della scorsa settimana. A favorirlo sarebbe stata una persona non meglio precisata che conosce bene entrambi, riferisce Repubblica. Le dure critiche formulate da Orsini alla gestione della crisi ucraina da parte degli Usa e anche del premier italiano Mario Draghi, sembrano interessare molto Conte, sempre più spostato su posizioni pacifiste e contrario all’invio di nuovi armamenti a Kiev.

Alessandro Orsini

“Parlaci, ha idee interessanti, assai diverse dal mainstream, che potrebbero tornarti utili”, questo il consiglio che sarebbe giunto all’orecchio di Giuseppe Conte. “Caro professore io apprezzo molto il suo pensiero laterale”, avrebbe allora confessato il leader pentastellato ad Orsini. E, proprio al termine di questo colloquio, l’ex premier si sarebbe deciso a proporre al professore di candidarsi alle prossime elezioni politiche con il M5S.

Ipotesi bollata dallo stesso Alessandro Orsini come una “bufala gigantesca” durante la sua ospitata nello studio di Non è l’Arena. “Una mossa per screditarmi e suggerire il secondo fine di entrare in Parlamento”, si è sfogato di fronte a Massimo Giletti. Intanto, una fonte grillina rimasta anonima avrebbe riferito che i due non potevano fare altro che negare il loro incontro perché “i tempi non sono ancora maturi”.

Potrebbe interessarti anche: Crepet attacca Orsini: “Bambini più felici in dittatura? Una cosa pazzesca”

Torna su