Interni

Feltri: “Fratelli d’Italia davanti alla Lega? Mi fa godere”

Le elezioni Comunali si sono rivelate una cocente sconfitta per il centrodestra. A pagare un caro prezzo nelle urne è stata soprattutto la Lega di Matteo Salvini. Chi può dire invece di essersi salvato è il partito di Giorgia Meloni. Anche se non ha sfondato, Fratelli d’Italia diventa la prima forza politica della coalizione. A questo proposito è Vittorio Feltri, candidato capolista a Milano con Fdi, a dire la sua sui risultati elettorali. Nemmeno Salvini viene risparmiato dal giornalista prestato alla politica.

Vittorio Feltri e Matteo Salvini

“Sala è uno di finta sinistra. – così Feltri commenta con l’Adnkronos la vittoria del sindaco uscente – Ma Milano è una città un po’ fighetta, nostalgica del ’68. Vota per la sinistra, soprattutto il centro storico: ma questo lo sapevamo anche prima, non c’è alcuna sorpresa”. “Quello che ho scritto un mese fa si è verificato puntualmente. E cioè che a Milano avrebbe vinto a mani basse Sala, era scritto nel destino”, aggiunge il fondatore di Libero.

“Non solo a Milano, anche nelle altre città è successo che la gente non va più a votare perché ha perso la passione nella politica. – aggiunge Feltri – La politica è mal vista da quando sono morte le ideologie, non c’è più un sentimento a livello ‘cardiaco’ nella gente”. Insomma, ironizza il candidato meloniano, “a Milano pioveva, figurati se andavano a votare. Certo che per vincere le elezioni a Milano bisognava avere una coalizione forte, che non c’è”.

Intervistato poi dal Corriere della Sera, Feltri ribadisce il concetto. “Io dai primi numeri sto vedendo che in molte parti, Fratelli d’Italia si trova davanti alla Lega”, fa notare. “Quindi la cosa mi fa molto godere, è fonte di soddisfazione, e insomma non vedo il motivo di nasconderlo”, aggiunge sibillino. Anche se, puntualizza, “non ho niente contro Salvini. Nulla di personale”. Ma, ribadisce, “la situazione della Lega mi fa molto godere”.

Potrebbe interessarti anche: Patata bollente, Feltri rischia il carcere, Raggi: “Ben gli sta”