Senza categoria

Liste Pd: c’è il microbiologo Crisanti, Monica Cirinnà rifiuta la candidatura 

Dopo tre rinvii la direzione del Pd si è riunita ieri a tarda sera per la chiusura delle liste in vista delle elezioni politiche del 25 settembre. Il segretario Enrico Letta ha dovuto dire tanti “no” anche a fedelissimi del partito. “Ho chiesto sacrifici, impossibile ricandidare tutti. Potevo imporre persone “mie” ma non l’ho fatto perché il partito è comunità”.

L’approvazione della delibera alla fine è arrivata, con 3 contrari e 5 astenuti. Alla votazione – si legge sul Corriere della Sera – non hanno partecipato i componenti di Base riformista, la corrente guidata dal ministro della Difesa Lorenzo Guerini e dall’ex ministro Luca Lotti; quest’ultimo, peraltro, è rimasto escluso dalle liste al termine di un durissimo braccio di ferro. Letta sarà il capolista alla Camera per Lombardia e Veneto, Carlo Cottarelli capolista al Senato a Milano, il virologo Andrea Crisanti capolista in Europa secondo fonti dem. Dal Nazareno fanno inoltre sapere che la parità di genere è stata rispettata nelle liste.

A Bari, collegio uninominale per al Camera, – prosegue il Corriere – correrà la scienziata Luisa Torsi. Per il Senato, al proporzionale in Puglia correranno: Francesco Boccia, Valeria Valente e Antonio Misiani. Esclusa la senatrice Monica Cirinnà: “La mia avventura finisce qui: comunicherò la mia non accettazione della candidatura. Mi hanno proposto un collegio elettorale perdente in due sondaggi, sono territori inidonei ai miei temi e con un forte radicamento della destra. Evidentemente per il Pd si può andare in Parlamento senza di me, è una scelta legittima. Resto nel partito, sono una donna di sinistra ma per fortuna ho altri lavori”. Tra i nomi c’è anche quello del costituzionalista Stefano Ceccanti, candidato al proporzionale in Toscana al quarto posto, una elezione di fatto impossibile. Lo stesso Ceccanti ha fatto poi sapere che rinuncerà.

Torna su