Europa

Un nuovo amore: l’Italia fa la pace con Bruxelles, il passo indietro dei gialloverdi di fronte all’Europa

Tra l’Italia e l’Europa ora è scoppiata la pace. A sancirla, almeno temporaneamente, è Pierre Moscovici, il commissario Ue agli Affari Economici che in passato era stato tutt’altro che tenero con il nostro Paese: “Vediamo un tono diverso, un diverso modo di cooperare e vediamo l’Italia disponibile ad ascoltare il nostro punto di vista e risolvere i problemi”. Parole arrivate dopo l’apertura a Bruxelles del governo gialloverde: “Un passo che accogliamo con favore, e anche gli investitori hanno lo stesso feeling. Ora il dialogo è cominciato davvero su metodo e sostanza”.

Moscovici ha spiegato di aver incontrato Conte e Tria a Buenos Aires e di aver deciso “di proseguire nell’interesse generale, dando mandato ai nostri team di lavorare in quella direzione”. Gli annunci dell’esecutivo gialloverde, insomma, sono positivi. Ora però servono i dettagli sulle modifiche da apportare alla manovra: “Non stiamo mettendo in discussione la riforma delle pensioni, sta al governo fare le sue scelte politiche, stiamo solo cercando di assicurare il rispetto del Patto di stabilità”.
Dall’altra parte della barricata, Giuseppe Conte, il vero autore della svolta moderata dei gialloverdi, ha risposto attraverso Avvenire:”Il mio obiettivo è evitare all’Italia una procedura d’infrazione che fa male al nostro Paese e rischia di far male anche all’Europa. Sto mettendo a punto una mia proposta che l’Unione Europea non potrà non prendere in considerazione. Arriverà ad horas”. Un progetto che “non compromette affatto gli interessi degli italiani e quindi nemmeno le riforme programmate”.Conte per ora non fornisce cifre, sottolineando come la riservatezza sia uno degli elementi chiave per la buona riuscita delle trattative con l’Ue. Una scelta, quella del dialogo, in netta controtendenza con le posizioni assunte di recente da Salvini e Di Maio e che però sembra pagare, con soddisfazione espressa reciprocamente da ambo gli schieramenti di quella che fino a poco fa sembrava una battaglia infinita.

Un professore che tifa Lega: chi è Gian Carlo Blangiardo, prossimo presidente Istat voluto da Salvini