Mass Media

Quarta Repubblica, Capezzone accusa Capuozzo: “Dici quello che dice Mosca”

La strage di Bucha, vicino Kiev, compiuta verosimilmente dai soldati russi, riesce a far litigare anche due persone molto vicine tra loro politicamente. Si tratta dei giornalisti Toni Capuozzo e Daniele Capezzone, entrambi ospiti dell’ultima puntata di Quarta Repubblica. Il conduttore Nicola Porro chiede il loro parere su quanto avvenuto a Bucha. Ma i dubbi di Capuozzo scatenano la reazione scomposta di Capezzone.

Toni Capuozzo e Daniele Capezzone

“Guai a non porsi delle domande, a me non convince la sequenza dei tempi riguardo a Bucha. – Capuozzo va subito dritto al punto della questione – È mai possibile che nessuno abbia messo un lenzuolo pietoso sui quei morti? Perché il sindaco non ha parlato della strage il 31 marzo?”, si domanda il giornalista ex inviato di guerra, secondo il quale troppe cose non tornano nella versione ufficiale della strage.

“Il 2 aprile, nel video girato dalla polizia ucraina, c’è un solo morto (un soldato russo) sul bordo della strada. Queste vittime sono in strada da tre settimane? Non sarebbero in quelle condizioni”, fa notare ancora Toni Capuozzo che poi difende a spada tratta il collega Fausto Biloslavo, inviato a Kiev, anche lui scettico. “Io credo che Fausto Biloslavo sia molto più coraggioso non nell’andare in prima linea ma nel sollevare i dubbi su quello che è avvenuto a Bucha”, questa la sua opinione.

Ma il suo intervento scatena la reazione di Capezzone. L’ex parlamentare fa prima una lunga premessa per esprimere tutta la sua ammirazione nei confronti del suo interlocutore, che considera un maestro di giornalismo, soprattutto dalle zone di guerra. Ma poi si scaglia contro di lui: “È sacrosanto avere e porre domande. Ma ciò che ha detto ora Capuozzo è la versione di Mosca e questo mi delude molto”. Una accusa pesante, quella di essere il ‘ventriloquo’ del Cremlino, alla quale Capuozzo replica deciso: “Ti deludo se ti dico che ci sono cose che non tornano?”. Poi il conduttore Porro mette fine alla discussione.

Potrebbe interessarti anche: Scontro Capezzone-Labate a Quarta Repubblica: “Ma che ca… di Paese siamo?”

Torna su