People

Libro Meloni, la Lucarelli svela il bluff sulla storia del tentativo di aborto? Cosa non torna

Il libro di Giorgia Meloni continua a far discutere. Inizialmente per il caso della libraia che is rifiutava di venderlo, accendendo una polemiche che è subito diventata politica, ora per alcuni suoi contenuti. Uno in particolare, messo in luce dalla giornalista Selvaggia Lucarelli. La Lucarelli ha infatti attaccato duramente un passaggio del libro in cui la leader di Fratelli d’Italia ricorda come la madre abbia pensato di ricorrere all’aborto, a 23 anni, nel 1976, salvo poi ripensarci e metterla al mondo. “Naturalmente attendiamo che Giorgia Meloni chiarisca questa storia. Sua madre stava abortendo clandestinamente e non è andata come racconta nel libro o non ha mai pensato di abortire?”, ha scritto la blogger. (Continua a leggere dopo la foto)

Infatti spiega qual è la cosa che non torna nel racconto della politica: “Nel 1976 l’aborto era illegale. Non funzionava così. Hai mentito tu o tua madre?” E ancora: “C’è solo un problema in questo racconto scritto con quell’impellente bisogno di verità che Giorgia Meloni si porta dentro: e cioè che quando la madre di Giorgia Meloni era incinta di Giorgia Meloni la legge sull’aborto non esisteva”, scrive la giornalista. Sul tema l’ex ministra del governo Berlusconi aveva parlato anche nell’ultima puntata di “Verissimo”, sabato scorso, quando a Silvia Toffanin aveva spiegato il forte legame con la madre, che aveva pensato di non proseguire la gravidanza, tanto da essersi recata in ospedale per alcune analisi, ma aver poi cambiato idea quella stessa mattina, dopo aver ricevuto una telefonata. (Continua a leggere dopo la foto)

La presunta incongruenza evidenziata da Selvaggia Lucarelli rischia di generare un ampio dibattito contro la leader di FdI, data in grande ascesa nei sondaggi. In molti, inoltre, hanno visto nel suo libro, Io sono Giorgia un’accurata operazione di marketing in un momento in cui la Meloni è di fatto l’unica leader politica all’opposizione, in grado di canalizzare sul suo partito tutto il malcontento nei confronti del governo attualmente in carica. (Continua a leggere dopo la foto)

Ora bisogna vedere se Giorgia Meloni chiarirà questo passaggio o vorrà risponde alla Lucarelli che le ha fatto le pulci. Una cosa va detta però: dopo Enrico Letta che aveva assicurato di voler comprare il libro (scatenando l’ira degli elettori del PD), abbiamo un’altra persona che ha certamente letto lo scritto: Selvaggia Lucarelli.

Ti potrebbe interessare anche: Casaleggio, schiaffo a Conte: “Lui leader M5S? Ha fatto soltanto da mediatore”