People

M5S e i furbetti del rimborso: anche Fico e Toninelli tra quelli che si sono tenuti i soldi

Che fine ha fatto l’autoproclamato partito degli onesti? Per il Movimento 5 Stelle è sempre valsa la regola che gli eletti possono essere anche dei perfetti incapaci, basta che restituiscano una parte dei loro stipendi. Poco importa che quelle cifre vengano gestite in maniera non proprio trasparente e che in parte finiscano nelle casse dell’Associazione Rousseau presieduta da Davide Casaleggio.

Peccato che a tenersi i soldi sono anche molti nomi eccellenti. Alla Camera dei deputati sono infatti ben 17 i parlamentari che non versano nell’obolo grillino dall’ottobre del 2018. Tra loro spicca Roberto Fico (Presidente della Camera), Federica Dieni (membro del direttivo M5S), Marta Grande (Presidente Commissione Affari Esteri), Vallascas Andrea (Capogruppo della Commissione Attività Produttive), Dalila Nesci (organizzatrice dei seminari di Parole Guerriere).

Altri non versano da novembre 2018, tra cui Daniele Del grosso (delegato d’aula), Gianluca Vacca (sottosegretario del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali) Carla Ruocco (Presidente Commissione Finanze). Meno “cattivi” Diego De Lorenzis (Vice Presidente Commissione Trasporti) e Federico D’Incà (questore) che hanno “restituito” per l’ultima volta nel dicembre del 2018.

A Palazzo Madama sono invece in 6 a non versare da ottobre dello scorso anno: il nome che spicca è quello del Ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli.

Morale della favola: se Di Maio e Casaleggio agissero senza utilizzare due pesi e due misure, dovrebbero espellere un bel po’ di furbetti. Ciò comporterebbe non pochi problemi perché in un colpo solo perderebbero il Presidente della Camera, il Ministro dei Trasporti e la maggioranza che tiene in vita il Governo nell’aula del Senato.

Verosimilmente finirà tutto con una tirata d’orecchie virtuale e un invito a regolarizzare i pagamenti e gli interessati se la caveranno con una serie di scuse che abbiamo già sentito in passato. In fondo l’onestà si sa che è una questione soggettiva…

 

Ti potrebbe interessare anche: Rimpasto a Cinque Stelle: Di Maio si è convinto, il Movimento cambia