People

Mamma positiva al Covid esclusa dal matrimonio della figlia: “Rischio di perdere anche il lavoro”

Ha scoperto di essere positiva al Covid-19 da ormai ben 120 giorni, e a causa del virus non ha potuto neanche partecipare al matrimonio della figlia di 28 anni. È la drammatica storia di Nada Cava, mamma 50enne di Colonnella, in provincia di Teramo: “Ieri mi hanno comunicato il risultato del tredicesimo tampone: ancora positivo. Sono molto arrabbiata con tutti. Non mi hanno dato nessuna terapia per aiutare il mio corpo a produrre gli anticorpi che mi permettono di superare questo maledetto virus”. Grazie alla tecnologia, Nadia è riuscita almeno a guardar la cerimonia dal suo telefono cellulare. Adesso la donna oltre a dover combattere con la malattia, sta lottando per non perdere il posto di lavoro. Seppur positiva, per la Asl di Teramo è “clinicamente guarita” dal coronavirus. Ma non lo è per andare a lavorare: “Ho un contratto di lavoro che scade il 5 agosto, se non riesco a rientrare rischio di perderlo per sempre, anche perché il mio datore di lavora ha dovuto assumere una ragazza per sostituirmi. A 50 anni dove la trovo un’altra occupazione? – ha raccontato la donna affranta al Messaggero -. E il mio lavoro mi piace”.

Secondo le dichiarazioni rilasciate dalla donna, a contagiarla “potrebbe essere stato proprio un collega sul posto di lavoro. “Lui presentava tutti i sintomi del coronavirus e febbre che superava i 40 gradi, non gli è stato sottoposto a tampone, ma solo i raggi al torace per vedere se aveva sviluppato la polmonite interstiziale – ha spiegato Nadia -. Dal momento che i suoi polmoni erano liberi, dopo una settimana di malattia è stato autorizzato a riprendere servizio. Dopo qualche giorno del suo rientro, il 13 marzo scorso, a presentare sintomi influenzali sono stata io”. Il suo medico di base la mette in quarantena e le fa fare il test: positiva. Con il passare dei giorni le sue condizioni peggiorano. L’11 aprile, a causa di problemi respiratori viene ricoverata d’urgenza nel reparto di Malattie infettive all’ospedale Mazzini di Teramo. Il 21 aprile, dopo una serie di cure, Nada viene dimessa e posta in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva della Asl. I medici le dicono di aver pazienza che tra pochi giorni tornerà negativa. Purtroppo le cose prendono un’altra piega.
“Il giorno dopo le dimissioni – ha raccontato la donna – la mia saturazione di ossigeno inizia ad oscillare da 85 a 96, quando i valori normali rientrano in un range tra i 95 e i 100. In poche parole facevo fatica anche a fare due passi. Andavo subito in debito di ossigeno. In più avevo continui sbalzi di pressione arteriosa. E come se non bastasse ho iniziato ad avvertire un forte prurito per tutto il corpo. Il 14 maggio la mia dottoressa allerta i soccorsi e vengo trasportata in ambulanza al Covid hospital di Atri. Lì scoprono che ho anche un’acariasi. Dopo 10 giorni di flebo e pomate vengo nuovamente rimandata a casa. Anche ad Atri i medici mi dicono di aver pazienza che il Covid andrà via in poco tempo da solo. Vorrei sapere quando? Sono passati 4 mesi. Da quello che mi dice il mio medico è un record tutto questo tempo, una cosa fuori dal normale, per questo motivo chiedo che mi vengano dati dei farmaci per aiutarmi. Adesso mi ritrovo sia positiva che con l’acariasi”.
Una situazione difficile quella di Nada, che oltre ad essere oltre che malata, sta rischiando di restare anche disoccupata con due figli a carico: “Ero stata presa in prova. Il contratto mi è stato rinnovato tre volte. Amo il lavoro che faccio. Il prossimo 5 agosto il mio datore di lavoro mi aveva promesso che mi avrebbe assunta a tempo indeterminato. Purtroppo è saltato tutto. Adesso posso sperare solo nel suon buon cuore, perché 4 mesi di malattia sono davvero tanti”.

Ti potrebbe interessare anche: Cure sospese a causa del Covid: mamma di 31 anni muore per cancro all’intestino