People

Manuel Bortuzzo sarà cittadino onorario di Roma. “È un simbolo e un esempio per tutti”

Una bellissima notizia: Manuel Bortuzzo sarà cittadino onorario di Roma. Approvata dall’assemblea capitolina la proposta con 29 voti favorevoli. La mozione vede come primo firmatario il consigliere leghista Maurizio Politi. La sindaca Virginia Raggi, dunque, conferirà l’onorificenza al nuotatore rimasto paralizzato dopo essere stato colpito per uno scambio di persona nella notte tra il 2 e il 3 febbraio 2019. A un anno dal suo ferimento, che ha portato alla lesione del midollo spinale, Manuel Bortuzzo è tornato a parlare di quella terribile notte: “Quando ne parlo a qualcuno mi limito a chiamarla ‘quella notte in cui tutto è cambiato'”.

“È stato facile dire che ero io il ragazzo sbagliato al posto sbagliato nel momento sbagliato. Ma non ero io nel posto sbagliato e nel momento sbagliato, io stavo facendo la mia vita come ogni altro ragazzo. Erano loro che hanno sbagliato vita e io non c’entravo niente”. In aula, presentando la mozione, Politi ha detto: “Dopo il terribile incidente subìto, ci ha colpito la forza di questo ragazzo per rimettersi in campo nello sport e nella vita”.

E poi ha aggiunto: “È vero che sono tante le cose brutte che accadono in questa città ma penso che Manuel sia un esempio per come ha reagito, per come ha trattato gli aggressori sia per quello che sta facendo oggi. Non ha mai puntato il dito contro nessuno ma si è ripreso con l’aiuto della sua famiglia e delle tante persone che gli sono state vicine. Non si potrà mai garantire un mondo angelico chiunque governi ma esistono storie di persone come quella di Manuel che sono un esempio e una testimonianza”.

Poi la richiesta, fortunatamente accolta dalla giunta capitolina: “Chiediamo un voto unanime dell’aula per avere l’onore di avere Manuel cittadino della città più bella del mondo e della capitale d’Italia”. Il voto è infatti arrivato e Manuel sarà così cittadino onorario di Roma. Sì, è vero: è un esempio per tutti.

 

Ti potrebbe interessare anche: Caso Open Arms, stavolta Salvini non vuole farsi processare