People

Margherita e il suo rimedio contro la pandemia: “Racconto favole al telefono ai bambini”

Favole al telefono per allontanare la pandemia dalla mente dei più piccoli. E’ l’originale idea di Margherita Nucci, assessora alla cultura e alla scuola di Castiglione dei Pepoli (Bologna), per contrastare la chiusura delle biblioteche. Il periodo autunnale e invernale infatti è quello in cui di solito i bambini del paesino bolognese riempiono la biblioteca grazie ai tanti eventi dedicati a loro, durante i quali sfogano la loro immaginazione e la loro creatività. La pandemia da Coronavirus ha bloccato queste attività, così ogni sabato mattina Margherita ha deciso di raccontare favole e filastrocche ai bambini che vorranno chiamarla al telefono. La chiamata viene aperta con un allegro “Pronto sono Margherita e racconto tante storie, e se una storia vuoi sentire il tuo nome mi devi dire”, seguito dal suono di una campanella durante la quale i bimbi devono chiudere gli occhi e iniziare a fantasticare.

Margherita ha cercato un nuovo modo per arrivare ai bambini mantenendo le distanze: “Ho subito pensato all’immaginazione, alla fantasia dei più piccoli, alla loro voglia di scoprire e sperimentare – ha spiegato l’assessora – dovevo trovare un modo per non fermare tutti gli eventi che di solito venivano organizzati in questo periodo. Ed ecco che l’aiuto me l’ha offerto proprio il più grande scrittore per i bambini, del quale proprio quest’anno si celebrano i 100 anni dalla nascita: Gianni Rodari. Le sue ‘Favole al telefono’ mi hanno fatto venire in mente un modo per raccontare delle storie stimolando la fantasia dei bambini e rendendo loro questo appuntamento ancora più magico, narrare le favole direttamente al telefono! Ecco così che sono nati gli appuntamenti del sabato mattina, durante i quali chi mi chiama potrà ascoltare una favola, chiudendo gli occhi e facendosi trasportare dalla fantasia”.
Margherita Nucci è diventata già consigliera comunale prima di compiere 20 anni. Da subito, le sue letture animate e i laboratori in biblioteca le hanno procurato la fama che tuttora ha, ovvero quella di una persona instancabile e sempre al servizio dei bambini. Laureata in italianistica e scienze linguistiche, Margherita lavora da un anno come maestra, ma tra la scuola e il ruolo di assessora per Castiglione dei Pepoli, trova comunque il tempo di dedicarsi ai bambini.
Ti potrebbe interessare anche: L’idea di Conte per i lavoratori in cassa integrazione: “Bonus di 500 euro per Natale”