marinanow-startup

Marinanow: il successo degli startupper del noleggio barche

Tra le startup italiane di maggior successo, oggi parliamo di Marinanow. Nata nel 2012 dall’idea di Alessandro Sestini, Paolo Codina e Andrea D. Corvaglia, Marinanow è ora un’azienda innovativa di successo che nel corso degli anni ha raggiunto numerosi successi, diventando un punto di riferimento per gli appassionati del mare e delle escursioni in barca. Ma cos’è Marinanow? In breve, potremmo descrivere la startup come un portale di prenotazioni che permette ai propri utenti di trovare disponibilità di posti barca e barche, comparare prezzi e prenotare in tempo reale presso marine e società di charter di tutto il Mediterraneo.

Marinanow: un successo dal cuore italiano

Quale miglior luogo se non la Costa Smeralda per dare vita ad un ambizioso progetto quale quello di Marinanow? I fondatori dell’azienda hanno fatto della loro passione il proprio business, dando vita ad una piattaforma unica nel suo genere che, ad oggi, consente ai propri clienti di noleggiare una barca o un posto barca scegliendo tra oltre 1.300 porti turistici e oltre 10mila barche a motore e a vela. Tra i servizi altamente innovativi offerti da Marinanow anche:

Marinanow Manager, un software di gestione basato su cloud che consente alle marine, alle compagnie charter e alle aziende che si occupano di escursioni in barca, di gestire online prenotazioni, messaggistica, pagamenti e fatturazione;

Marina Agent, una soluzione software per i servizi Concierge e le agenzie di viaggio, che consente loro di connettersi al backend e prenotare in piattaforma barche ed escursioni per i propri clienti.

marinanow-startup
Il team di Marinanow

Tanti gli investitori che hanno creduto nel progetto di Marinanow, tra i quali anche United Ventures Ones, Hermaea Ventures, Dettorimarket, The Net Value e Abinsula. È proprio collateralmente all’annuncio di un round da 1,2 milioni di euro di finanziamento che Alessandro Sestini – CEO nonché tra i fondatori della startup – ha commentato “Nel 2016 abbiamo gestito oltre 10.000 richieste totali in piattaforma e questo è un segnale forte che ci spinge a investire ulteriormente nell’automazione dei processi di booking e negli investimenti in marketing, sales e promozione per questa stagione 2017”.

La startup sarda verso l’espansione

Dopo un 2017 di grandi successi, il 2018 per Marinanow si è aperta con l’annuncio dell’acquisizione di MooringSpot, portale monegasco di annunci ormeggi. Il team si arricchisce quindi del CEO dell’azienda Peter Murray Kerr, in qualità di Business Development Consultant. Alessandro Sestini, CEO della startup sarda, ha quindi commentato questa operazione dicendo “L’acquisizione di MooringSpot rappresenta un passaggio fondamentale per la nostra strategia di sviluppo e non vediamo l’ora di lavorare fianco a fianco con Peter e il suo team. L’operazione consentirà a Marinanow sia di rafforzare la presenza in Costa Azzurra che di espandere la propria base clienti in tutto il Mediterraneo”. Grazie al network di contatti portato in dote da MooringSpot nel mondo dello yachting, l’azienda sarda potrà infatti potenziare ulteriormente la distribuzione delle proprie soluzioni software e l’automazione nel mondo della nautica, al fine di rendere la pianificazione e l’organizzazione di una vacanza in barca più semplice non solo per i clienti finali ma per tutte le parti coinvolte.

marinanow-startup
Peter Murray

Marinanow, intanto, ha lanciato il nuovo portale anche in lingua francese, per consentire anche a tutti i clienti francofoni di prenotare un’escursione in barca o di noleggiarla, oppure di ormeggiare la propria imbarcazione in uno dei porti turistici più belli di tutto il Mar Mediterraneo.

Leggi anche: MIMoto, gli startupper che stanno rivoluzionando la viabilità milanese

CONDIVIDI
Sabina Schiavon
Visionaria per vocazione, blogger in erba per passione, freelance per professione. Milanese per nascita e vercellese d’adozione, si occupa di startup, imprese, Industria 4.0 e di tutti i temi legati all’innovazione. Ama la birra belga e il whisky scozzese, gustati accanto a un gatto che fa le fusa.