People

“Sei uno sciacallo disgustoso, ti querelo”. La Meloni dichiara guerra a Saviano

Siamo allo scontro totale tra lo scrittore Roberto Saviano e la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. L’autore di “Gomorra” ha lanciato un duro attacco nei confronti di Matteo Salvini e Giorgia Meloni durante la trasmissione televisiva di La 7 Piazza Pulita. A margine di un servizio sul piccolo Youssuf, il bimbo di 6 mesi morto nel Mediterraneo qualche settimana fa, Saviano ha detto: “Vi sarà tornato alla mente tutto il ciarpame detto sulle Ong, ‘taxi del mare’, ‘crociere’…. ma viene solo da dire bastardi… a Meloni, a Salvini, bastardi, come avete potuto? Come è stato possibile, tutto questo dolore descriverlo così”.

A quel punto, sentite quelle parole, Giorgia Meloni è intervenuta e ha accusato Roberto Saviano di “sciacallaggio disgustoso” e per questo ha deciso di querelarlo. “Non sono disposta a tollerare oltre, ho già dato mandato per procedere legalmente”, ha svelato la leader di Fratelli d’Italia dopo essere stata etichettata come “bastarda” insieme a Matteo Salvini nel corso di PiazzaPulita. Saviano era ospite per parlare di immigrazione e ha ovviamente attaccato duramente i due leader del centrodestra.

La replica di Giorgia Meloni è arrivata nella mattinata di venerdì 4 dicembre: “Sono stufa di assistere a questo disgustoso sciacallaggio da parte di Saviano. Per voi è normale che a questo odiatore seriale sia consentito diffamare (senza contraddittorio) chi non è in studio?”. Di conseguenza la leader di Fdi ha deciso di passare al contrattacco con una querela.

Tra le altre cose, Saviano ha anche detto: “La destra ha perso una grande occasione. La sua critica al governo che è oggettiva non ha legittimità perché nel momento in cui bisognava spingere sul sistema sanitario han parlato di regime, quando serviva fare tamponi e usare mascherine, loro non l’hanno fatto. Ora hanno perso la possibilità di poter dire “l’avevamo detto” e dimostrare che stavano capendo il Paese”.

Ti potrebbe interessare anche: Salvini: “È immorale chiudere in casa gli italiani a Natale!”