Social

Twitter blocca Miguel Bosé: “Diffonde fake news sul Coronavirus”

Brutte notizie per Miguel Bosé. Twitter ha bloccato il suo account da oltre 3 milioni di follower per aver diffuso fake news sul Coronavirus e perché avrebbe messo in dubbio la pandemia, come riporta la CNN spagnola. Così l’artista è stato punito e per una settimana non avrà accesso al suo account. I social ormai hanno intrapreso una dura battaglia contro le bufale e la disinformazione su un tema così delicato e pressante come il Covid-19, basti pensare ad altre “vittime” eccellenti come il presidente americano Donald Trump e Madonna.

La conferma di questo blocco arriva direttamente da Miguel Bosé che ha avvertito i fan sul suo Instagram e Facebook che il suo account Twitter è stato bloccato per una settimana. Sebbene non abbia indicato le ragioni, afferma di essere stato “punito” e di essere stato un “cattivo ragazzo”. Bosé ha incoraggiato le persone a partecipare alla manifestazione contro l’uso delle maschere il 16 agosto e sui social ha lanciato ipotesi di complotto, ha messo in dubbio le raccomandazioni sanitarie ufficiali, l’origine del virus e lo ha persino collegato a Bill Gates.

Infine ha dato il suo sostegno anche alla manifestazione contro il 5G. Proprio su Twitter la notizia dello stop a Bosé è diventata virale e molti hanno commentato ironicamente da “amiamo il lieto fine” a “il lungo braccio degli illuminati”. L’artista spagnolo, che a marzo aveva perso sua madre – l’attrice Lucia Bosé – deceduta proprio a causa delle complicanze da coronavirus, ha ribadito il suo sostegno al movimento anti mascherina, avanzando dubbi sull’efficacia del suo utilizzo nelle persone sane.

“Chi penso debba indossare la maschera? Lascia che i malati, i sanitari, le forze dell’ordine e gli anziani la indossino per prevenire, in modo che non si ammalino e muoiano”. Miguel Bosé ha poi spiegato di indossarla, in alcune occasioni, in segno di rispetto per gli altri, ma di essere esonerato a causa della grave asma da cui è affetto: “Quando vedo che sto per entrare in luoghi in cui le persone potrebbero essere infastidite dal fatto che non indosso una maschera la metto. Ma ho un’esenzione, un documento medico che mi permette di non indossarla, perché come si sente bene, ho l’asma, quindi la maschera può peggiorare i miei problemi respiratori”.

 

Ti potrebbe interessare anche: Richard Gere ai giovani: “Mettete la mascherina: è un gesto di compassione e saggezza”