Social

Milano, 14enne trovato morto in casa: perché c’è il potere dei social dietro la tragedia

In un anonimo giovedì, precisamente il 6 settembre, in un appartamento della prima periferia di Milano, viene trovato morto un adolescente, un ragazzo di 14 anni, biondo, col fisico atletico, appassionato di scalate in montagna, come suo padre. Il ragazzo si è soffocato con una corda da roccia, e i carabinieri hanno trasmesso alla Procura per i minorenni notizie e primi accertamenti su quello che a tutti gli effetti sembrava un “suicidio”, perché all’inizio la scena presentava tutti gli elementi per far credere questo. Eppure, a pochi giorni di distanza dal tragico evento, spuntano dei dettagli che fanno ripensare tutto.

È passata una settimana, e la morte di quel ragazzo, per quanto sostiene la sua famiglia, ha una spiegazione diversa dal suicidio “classico”. Lo racconterebbe almeno un video, tra le ultime pagine Internet visitate e rimaste memorizzate nella cronologia di navigazione del giovane rocciatore, un video che rientra nella categoria “cose pericolose in Rete” e parla di blackout, o “gioco” del soffocamento, una sorta di sfida che consisterebbe nello sperimentare una carenza di ossigeno, fin quasi allo svenimento.

La famiglia ha affidato un messaggio a pareti.it, uno dei siti di riferimento per gli scalatori, che mercoledì ha pubblicato un lungo scritto: “È successa una brutta disgrazia a una delle nostre famiglie di climbers e ne parliamo solo previo consenso. È morto Igor Maj, uno dei figli di Ramon Maj, attivo e conosciuto climber dell’area di Milano. Igor era un bravo arrampicatore, non un fenomeno ma appassionato e soprattutto coraggioso, una qualità che è diventata merce rara tra i ragazzi e i ragazzini. Purtroppo non ha avuto paura a lasciarsi coinvolgere da un gioco che con la scalata non c’entra nulla e che sta diventando incomprensibilmente popolare tra gli adolescenti che hanno accesso a Internet, il cosiddetto black-out”.

A una settimana dalla morte di Igor Maj, non esiste un elemento giudiziario o investigativo che possa definire con certezza cosa sia accaduto. Al sito pareti.it la famiglia ha affidato anche un messaggio, un’allerta per i genitori di figli adolescenti…

“Fate il più possibile per far capire ai vostri figli che possono sempre parlare con voi, qualunque stronzata gli venga in mente di fare devono saper trovare in voi una sponda, una guida che li aiuti a capire se e quali rischi non hanno valutato. Noi pensiamo di averlo sempre fatto con Igor, eppure non è bastato. Quindi cercate di fare ancora di più, perché tutti i ragazzi nella loro adolescenza saranno accompagnati dal senso di onnipotenza che se da una parte gli permette di affrontare il mondo, dall’altra può essere fatale”.

La sfida del soffocamento esiste da prima della diffusione della Rete, che avrebbe aumentato la tendenza a sperimentare l’effetto in solitudine, rendendo tutto più pericoloso. L’ultima immagine di Igor, da parte degli amici di famiglia, è questa: “Lo abbiamo visto crescere in falesia insieme ai genitori e lo abbiamo visto diventare un giovane uomo che strizzava le prese come noi e così lo vogliamo ricordare”.