People

Supereroi in terapia intensiva: i volontari mascherano i neonati per Carnevale

Sono neonati, e sono già dei supereroi. Gli mancava solo la maschera, e allora si è provveduto a fargliela avere immediatamente, in un giorno speciale. Trascorrere tanto tempo in ospedale non è piacevole per nessuno, tanto meno per i bambini, soprattutto in un periodo come il Carnevale. Ed è per questo che le infermiere dell’ospedale Clìnic di Barcellona hanno deciso di realizzare dei simpaticissimi costumi da supereroi e animali per i neonati che sono ricoverati in terapia intensiva. L’iniziativa in poco tempo ha fatto il giro dei social, catturando la commozione di milioni di utenti. E sì, perché è davvero impossibile restare indifferenti di fronte a queste immagini.

Come riporta il sito greenme.it, è già il secondo anno che parte questa dolce iniziativa voluta dal team infermieristico, quest’anno resa possibile da Rocío Cabello, volontario, e da Mireia Pérez, creatrice del marchio di accessori per bambini Diente de León. 13 neonati sono stati così travestiti da supereroi come Superman, Flash e Capitan America, ma anche da animaletti, e i genitori sono rimasti entusiasti della bella iniziativa che ha ricevuto tanti commenti positivi anche sui social, dov’è stata condivisa da molte persone.

La mamma di Marta, una delle neonate, ha dichiarato: “Quando sono entrata e ho visto la mia piccola travestita ero davvero emozionata e penso che sia stato un bel gesto da parte dei volontari. È stato bello vederla vestita da supereroina e il tema è molto in linea con quello che sono, coraggiosi, eroi ed eroine”. Davvero un gesto gentile, di autentica solidarietà.

Complimenti all’ospedale e alle sue generose infermiere che lo hanno reso possibile, convinte che sia importante umanizzare gli ambienti ospedalieri e coinvolgere i genitori affinché possano celebrare vacanze come questa insieme ai propri bambini. Viva la solidarietà e viva le iniziative come questa. Che sia da esempio per tante altre strutture.

 

Ti potrebbe interessare anche: Coronavirus, dagli Usa un vaccino già pronto per la sperimentazione sull’uomo