People

Coronavirus, tornano in campo i No-vax: “Non fate il vaccino, vi ucciderà”

Pensavamo di essercela scampata, almeno stavolta. E invece no. Nonostante la pandemia che sta ammazzando decine di migliaia di persone in tutto il mondo, in Italia (e non solo) i No-vax rialzano la testa. Prima hanno negato la portata della pandemia di coronavirus, negando di fatto l’emergenza. Ora nei gruppi dei pasdaran anti vaccino – come riporta Il Tempo –  con le prime sperimentazioni già avanzate e le prime oprifilassi previste per l’inizio del 2021, la reazione è il rifiuto. “Meglio comunque non farlo: coi virus è inutile, il rischio di effetti collaterali è del 99% e, poi, perché inocularsi chissà cosa (magari metalli pesanti?) per quella che in fin dei conti è giusto una polmonite?”, si legge in alcuni gruppi Facebook dei No-Vax.

Diversi i punti di vista degli utenti che li animano, ma una cosa è sicura: “Il vaccino resta dannoso, sia quello influenzale, sia quello che tra qualche mese (speriamo pochi) sarà pronto per il Sars-Cov-2”, scrive il sito che sottolinea un episodio emblematico: c’è una donna che dice di avere una figlia con precedenti problemi di autismo. Teme il virus ma anche che l’autismo della figlia peggiori (la correlazione vaccini-autismo è uno dei cavalli di battaglai dei no-vax).

Le viene detto di non farlo, quando sarà disponibile, “meglio la Covid-19 – dicono – piuttosto che una vita rovinata da un vaccino”. Non mancano, naturalmente, insulti e prese in giro a Roberto Burioni, il virologo che prima di lanciare l’allarme sul coronavirus è stato a lungo sulle barricate social contro l’avanzata dei No-vax.

In un momento in cui molte persone stanno continuamente connesse sui social, è importante segnalare ogni tipo di fake news, come quelle diffuse dai No-vax che rischiano di andare a minare la salute delle persone. Quello che dobbiamo invece augurarci è proprio che gli esperti trovino quanto prima un vaccino contro il coronavirus per fermare questa tragica pandemia.

 

Ti potrebbe interessare anche: I migranti di Parma donano 500 euro all’Italia: “Voi ci avete salvato la vita”